Fondi strutturali 2007-2013:ne discute la Cisl oggi ad Assergi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

610

“La nuova programmazione dei fondi strutturali europei per gli anni 2007-2013” è il tema su cui si confronteranno i vertici Cisl nella sessione di studio del 27 luglio a partire dalle ore 15,30 presso l'hotel Nido dell'Aquila ad Assergi (località Fonte Cerreto). Saranno presenti il segretario confederale Cisl, Giorgio Santini, la responsabile del settore programmazione della Regione, Tiziana Arista, e Idda Dolores, responsabile delle politiche comunitarie del Formez.
«Per l'Abruzzo un appuntamento da non perdere quello con i fondi strutturali – ha ribadito il nuovo segretario generale regionale Cisl, Maurizio Spina- la nostra regione si trova davanti a due sfide determinanti: come utilizzare totalmente l'opportunità offerta dalle risorse comunitarie per il periodo 2007-13 e come diventare autosufficiente per essere in grado di provvedere alla necessità della popolazione, produzione e lavoro anche dopo il 2013».

Dopo un'attenta analisi del bilancio regionale: «le risorse che la Regione può impegnare per lo sviluppo sono state nel 2005 pari al 3% del bilancio consuntivo. Il 97% è costituito da trasferimenti dello stato per la sanità, scuole, trasporti, sociale. Le restanti risorse sono impiegate per il funzionamento della macchina Regione», il segretario regionale Cisl non si illude e sa che «senza le risorse aggiuntive comunitarie l'Abruzzo, dopo il 2013, dovrà provvedere direttamente al proprio futuro».

Una prova esaltante che il sindacato e la CISL d'Abruzzo intendono vivere da protagonisti stando però tra la gente, nella certezza che «ogni cambiamento se non guidato – per Spina - ricade sul mondo del lavoro e dei pensionati che rappresentiamo».

27/07/2006 9.32