Le primarie dell’Unione? Un successo. 4 milioni al voto. Vince Prodi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1160

Il primo esperimento di elezioni primarie si è concluso con un bilancio molto positivo. La costante di ieri infatti sono state le file ai seggi: molti elettori del centrosinistra si sono recati per scegliere il leader della coalizione in un evento di democrazia diretta e che in Italia non aveva precedenti.
Anche in Abruzzo ci sono state molte file soprattutto nelle città capoluogo.
A Pescara, come a Teramo, Chieti e L'Aquila, si e' dovuto provvedere a riorganizzare i seggi.
Alle 13 di ieri avevano votato in oltre 32 mila, di cui 9.855 a Teramo, 8.417 a Pescara, 8.200 a Chieti, 3.200 all'Aquila, 2.227 ad Avezzano. A Pescara e Teramo sono state fatte stampare in mattinata, in tipografie, altre ventimila schede e non e' escluso che ne siano servite delle altre. A Chieti e L'Aquila si e' dovuto fare ricorso alle fotocopie: cinquemila finora in ciascuno dei due centri. Nella sala consiliare del Comune di Pescara e' stato addirittura aggiunto un seggio.
Alle 13, di ieri, erano già 32mila i votanti, 3200 nel capoluogo.

I dati ufficiali parlano di una affluenza molto vicina ai 4 milioni in tutta Italia.

Dopo il 92,4% dei seggi scrutinati (8.988) alle primarie dell'Unione, Prodi si attesta al 74,6% e Bertinotti al 14,6% dei consensi. Lo rendono noto gli organizzatori di Primarie 2005. Al professore sono andati fino ad ora 3.007.072, al segretario di Rifondazione Comunista 589.968. Al terzo posto, Mastella con il 4,4%. I votanti sono al momento 4.049.026, le schede bianche 7.079 e le nulle 8.578.

Per i dati aggiornati: www.unioneweb.it

17/10/2005 8.00