Tollo. La verità del sindaco sui lavori al centro storico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1101

Se il consigliere comunale Angelo Radica è a conoscenza di un documento prodotto dalla Regione o da qualsiasi altro ente, nel quale sia scritto che i lavori di consolidamento del Colle dietro la Chiesa di Tollo si potevano fare altrove, lo esibisca. Altrimenti, come al solito, mistifica la realtà»: è quanto dichiara il sindaco di Tollo, Angelo Gialloreto, in riferimento alle affermazioni del consigliere di opposizione Radica.
Secondo quest'ultimo la Giunta comunale «non ha ancora preso atto del cambio progettuale avvenuto di recente alla Regione», che avrebbe riconosciuto «errato» il progetto realizzato dall'amministrazione, «consigliando di spendere i 700mila euro già finanziati sull'altro colle».
Secondo Gialloreto, l'opposizione «continua a dire cumuli di bugie. I lavori sono in regola e appropriati al consolidamento dell'area interessata, dove sarà creata una vera e propria oasi verde. Né ci sono indicazioni di diverso tipo da parte della Regione».
Il sindaco ricorda che la stessa Giunta voleva investire questo finanziamento sul colle opposto, dove ci sono le abitazioni, ma la Regione ha vincolato l'utilizzo dei fondi al luogo nel quale si sta intervenendo attualmente.
Una «mistificazione», ha ricordato Gialloreto, che fa il paio con quella che l'opposizione ha prodotto a proposito della Scuola elementare di Tollo, quando ha detto che il ricorso al Tar per bloccare i lavori destinati ad ampliare il plesso scolastico è sostenuto da 400 cittadini. In realtà, è stato firmato da 5-6 persone e ispirato della minoranza. Il Tar, tra l'altro, non ha concesso la sospensiva. Il ricorso sarà esaminato dai giudici amministrativi il 26 gennaio prossimo. Ciò significa che l'opposizione non è riuscita a bloccare un'opera indispensabile per Tollo. Avvieremo presto i lavori e realizzeremo l'intervento a servizio della comunità scolastica». 10/10/2005 14.50