Dispensario farmaceutico, bocciatura a Silvi. Pd: «scandaloso»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3264

SILVI. Il Partito Democratico di Silvi, con l'appoggio di Sinistra e Libertà e Comunisti Italiani, propone la costituzione di un Dispensario Farmaceutico nel centro storico di Silvi Paese. VALLESCURA:«DELIBERA STRUMENTALE, IL DISPENSARIO E’ GIA’ OTTENUTO»
La proposta di delibera, che porta il parere favorevole dei funzionari comunali, realizzata ai sensi della legge regionale 20 del 21.5.2010, è stata depositata da tempo a cura del centrosinistra affinchè venisse discussa e deliberata nel Consiglio Comunale di ieri.
«L' iniziativa», racconta Silvio Massimi del Pd, «ha preso l'avvio tempestivamente grazie alla pronta segnalazione del consigliere regionale Claudio Ruffini il quale, la notte stessa dell'approvazione della legge in Consiglio Regionale, ha avvertito i dirigenti locali».
Infatti, sin dal giorno in cui la farmacia di Silvi Paese è stata trasferita a Santo Stefano, gli allora consiglieri comunali e dirigenti del Pd hanno cominciato un "pressing" sulla struttura regionale invitandola a farsi carico del problema.
«Oggi», assicura Massimi, «nessun merito esclusivo vuole essere rivendicato dal Pd di Silvi, ma è indiscutibile che la proposta in Consiglio Comunale è stata portata dal Pd ed alleati di centrosinistra, dopo averla ampiamente preannunciata nella conferenza dei capigruppo. E' vergognosa la posizione della maggioranza di destra che, dopo aver chiesto una sospensione di due minuti, ha ordinato al Partito Democratico di ritirare la proposta di delibera»
Il motivo della richiesta, secondo Massimi, sarebbe che «l'assessore Marini non gradisce che a proporla sia il centrosinistra, che sarebbe colpevole di averlo anticipato nel richiedere l'istituzione del Dispensario Farmaceutico.
Il Pd si è rifiutato di ritirare la proposta e si è andati al voto».
Vallescura e maggioranza, con eslusione del consigliere Gianni Di Febo, con 13 voti contrari ha bocciato la richiesta del centrosinistra.
«Alla luce di tutto ciò», chiude Massimi, «non si può tacere l'opportunismo di questi cacciatori di consenso, sempre vigili ad accaparrarsi i meriti invece che dedicarsi devotamente ed in silenzio alla risoluzione dei problemi di Silvi».

30/06/2010 12.25

VALLESCURA:«DELIBERA STRUMENTALE, IL DISPENSARIO E' GIA' OTTENUTO»

«La sinistra di Silvi ha strumentalizzato in maniera indecorosa», replica il primo cittadino Gaetano Vallescura, «quest'amministrazione, in primis con l'impegno del vice sindaco Enrico Marini, negli ultimi tre anni, già con la Giunta Regionale di Del Turco, ha caldeggiato una legge che consentisse l'apertura di sportelli farmaceutici nei centri storici. Ora che è arrivata la legge regionale, approvata grazie alla Giunta Chiodi, il PD di Silvi ha presentato furbescamente una delibera consigliare strumentale al sol fine di accaparrarsi consensi. Ben sapendo, però, che la delibera è inutile e superflua perché l'amministrazione comunale si è attivata da mesi per chiedere e ottenere il dispensario farmaceutico a Silvi Alta. Dunque la sinistra di Silvi, capeggiata dal Pd, ha voluto creare una messinscena con il solo scopo di buttare fumo negli occhi ai cittadini e alimentare una polemica politica inutile. Le procedure sono già in essere e il merito va soltanto a chi ha lavorato per l'approvazione di questa legge regionale che permette l'apertura dei dispensari nelle zone in difficoltà».
Enrico Marini, vice sindaco e assessore alla Farmacia Comunale, afferma che «non consentiamo ad altri di consumare un pasto cucinato con tanta fatica e sacrificio da noi: troppo comodo, ma il Pd arriva sempre secondo. Se fossero stati così attivi nel proporre e far approvare questa legge avrebbero potuto farla licenziare dalla Giunta Del Turco, ma questa era troppo impegnata in altre faccende evidentemente».

30/06/2010 15.22