Gole di Celano ancora chiuse, Natalini (Pd) «intervenire subito»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5172

CELANO. «La ancora irrisolta chiusura delle Gole di Celano deve essere una delle priorità della giunta Comunale».

È quanto afferma Ermanno Natalini in merito all'ordinanza adottata (dal Commissario Straordinario Passerotti) a seguito di un sopralluogo che ha rilevato due spaccature di spuntoni di roccia ed un movimento della massa rocciosa nella zona che interessa il versante destro del monte Tino che si affaccia sulle Gole di Celano.
«Nel periodo primaverile ed estivo, il canyon è meta di numerosi escursionisti, appassionati della montagna, non solo italiani ma provenienti anche da altre zone d'Europa. Questa chiusura» continua Natalini «evidenzia diversi tipi di problemi: il primo è legato alla sicurezza, in quanto il pericolo è scarsamente segnalato ed i dispositivi per inibire il passaggio sono insufficienti, in questo modo chiunque può accedere nella zona a rischio mettendo a repentaglio la propria incolumità. Il secondo problema è legato all'attività turistica-economica in quanto la zona è una delle maggiori attrazioni del nostro territorio, tale interruzione perciò va a danneggiare ed aggravare ulteriormente la già precaria economia della città di Celano e dei paesi limitrofi. Il rilancio dell'economia» continua ancora Natalini «passa anche attraverso una più attenta gestione del territorio».
Per l'esponente del Pd la riapertura deve essere la priorità: «bisogna al più presto adottare provvedimenti concreti per la messa in sicurezza e soprattutto per la riapertura della traversata prima dell'arrivo della bella stagione per ridare slancio al turismo e così richiamare i tanti amanti della natura che ogni anno scelgono la nostra zona per le bellezze paesaggistiche e naturalistiche».
12/05/2010 8.09