Golf Brecciarola, Pdl: «quanti errori dalla giunta Ricci»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7352

Golf Brecciarola, Pdl: «quanti errori dalla giunta Ricci»
CHIETI. Il prossimo 2 marzo 2010 andranno all’asta terreni e fabbricati di proprietà privata ricadenti all’interno dell’area destinata al complesso turistico Golf di Brecciarola.

I terreni fanno però parte integrante della struttura sportiva.
L'Adriatico Golf Club Spa negli anni in cui il Comune di Chieti era amministrato dal centrodestra aveva presentato vari progetti che vennero però sistematicamente bocciati dalla Commissione Edilizia Comunale poiché ritenuti non compatibili se non addirittura in contrasto con la convenzione stipulata con il Comune di Chieti (delibera di C.C. n.134 del 29/09/1998).
Inoltre , per le inadempienze dell'Adriatico Golf Club , sempre l'amministrazione di centrodestra aveva disposto l'avvio delle procedure di revoca e la conseguente indizione del bando di gara di evidenza pubblica.
«Nonostante questo», ricordano oggi i consiglieri del Pdl, «il centrosinistra, pochi mesi dopo aver vinto le elezioni, non solo non aveva dato seguito alle procedure di revoca ma, nel corso del Consiglio Comunale del 22 dicembre 2005, con un'operazione farsa, aveva ribaltato le carte e fatto approvare una inutile variante al Prg relativa proprio al Golf Club di Brecciarola per consentire una maggiore volumetria edificatoria a solo vantaggio della parte residenziale ed imprenditoriale ed a discapito di quella turistico- sportiva di interesse pubblico».
«Come volevasi dimostrare», secondo l'opposizione, «le critiche mosse da noi all'indirizzo di Ricci e De Cesare, non hanno impedito che il centrosinistra approvasse nel 2005 una variante al PRG che non è servita a niente se non a lasciare a Chieti un impianto sportivo ormai abbandonato a se stesso e con gli appassionati golfisti costretti ad emigrare altrove».
Ma, sempre per l'opposizione, «si questa cosa certo gli attuali amministratori, in primis l'assessore all'Urbanistica, non si preoccupano affatto perché sono troppo impegnati a discutere tra di loro per cercare di salvare il salvabile di una barca che mai come in questo periodo sta facendo acqua da tutte le parti».

19/01/2010 8.51