Trasporti. Studio da 200 mila euro per risparmiare. Idv:«che fine ha fatto?»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3792

ABRUZZO. Per riorganizzare le società del trasporto pubblico locale la Regione si affidò ad uno studio.


Se lo ricorda bene il vice capogruppo IdV al consiglio regionale, Cesare D'Alessandro, che oggi si domanda se ne sia valsa la pena.
Anche perchè lo studio non fu realizzato a costo zero: «costò ben 200 mila euro», ricorda D'Alessandro, «e la società affidataria del piano di riassetto (la KPMG) fornì un ventaglio di soluzioni ma con l'ipotesi più consistente della cosiddetta “azienda unica”».
Quest'ultima avrebbe consentito la totale integrazione tra le tre aziende (Arpa, Fas, Gtm) con l'obiettivo di comporre sinergie operative e individuare, dal punto di vista sia societario che contrattuale, un unico interlocutore sostanziale e formale.
Sicuramente ne sarebbe derivato anche un risparmio per l'ente pubblico.
«Già a luglio», ricorda il consigliere dell'Idv, «denunciammo il baratto della Regione: la possibilità di benefici in favore di tutti gli abruzzesi in cambio degli appetiti famelici (leggi “fame di poltrone”) di qualche amico del centrodestra. E così è accaduto».
Nel frattempo, infatti, sono stati nominati i nuovi membri dei consigli di amministrazione di tutti e tre gli Enti, nonché i rispettivi presidenti.
«Da allora», continua D'Alessandro, «guarda caso, non si è parlato più di riforma dei trasporti. Il settore Trasporti rimane dunque, senza un intervento strutturale, un “pozzo senza fondo” per le casse regionali e un “pozzo di San Patrizio” per gli interessi di pochi. Nella graduatoria degli sprechi, in Abruzzo, è subito dopo la Sanità»
Per l'Idv l'accorpamento delle aziende di trasporto «era indispensabile» per eliminare la sovrapposizione delle reti, per centralizzare le procedure di acquisto di beni e servizi, per pianificare gli investimenti, per calmierare o ridurre il costo del biglietto, figuriamoci oggi!
«Ci dica, il governatore Chiodi, che cos'ha fatto in proposito? Quali misure per la riforma dei trasporti?»


16/01/2010 9.43