Al via il congresso dell'Italia dei Valori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2968

ABRUZZO. Anche in Abruzzo inizia la stagione congressuale per l’Italia dei Valori che, nei prossimi giorni, procederà con le assemblee nelle quattro province alla scelta dei 180 delegati abruzzesi.


Questi verranno inviati al Congresso nazionale di Roma del 5, 6 e 7 febbraio, chiamato a votare il presidente nazionale e la mozione della linea politica.
Si partirà con l'assemblea provinciale che si terrà a L'Aquila sabato 9 gennaio, alle ore 9, presso l'hotel ‘Canadian'.
Seguirà l'incontro di Chieti domenica 10 gennaio, ore 9, presso il ‘Grande Albergo Abruzzo', per poi continuare il 16 gennaio a Teramo presso l'hotel ‘Abruzzi' e il 17 gennaio a Pescara presso la Sala Congressi dell'Aeroporto d'Abruzzo.
Le conclusioni saranno affidate all'Assemblea regionale, che riunirà tutti i delegati eletti dell'Abruzzo, e si svolgerà a L'Aquila il 23 gennaio.
«Sono sicuro che dall'Abruzzo riusciremo a portare un contributo di qualità sia in termini di nuovi iscritti chiamati a rappresentarci e sia di proposte e iniziative politiche che dovranno interessare i grandi problemi che coinvolgono i diritti, i bisogni e le attese della nostra regione e del nostro Paese», ha dichiarato il Coordinatore regionale dell'Italia dei Valori senatore Alfonso Mascitelli nel presentare il calendario e i contenuti dei lavori congressuali.
«In particolare la nostra regione – ha continuato il senatore Mascitelli – sta risentendo in maniera pesante degli effetti di una politica inconcludente, fatta di chiacchiere a effetto e di poca sostanza, che il centro-destra sta consumando sia a Roma che nelle Istituzioni locali.
A Roma Berlusconi, come al solito, ha rinnegato le promesse fatte e il Piano attuativo regionale per rilanciare lo sviluppo, le infrastrutture e il lavoro in Abruzzo è rimasto a oggi una semplice letterina di intenti. A L'Aquila Chiodi nasconde, dietro l'alibi della tragedia del terremoto che ha colpito le nostre popolazioni, l'immobilismo e l'incapacità politica di un intero anno in cui non è stata data una sola risposta concreta e convincente alle riforme annunciate, alla difesa dei posti di lavoro, alla riorganizzazione del sistema sanitario pubblico e privato».

Tutto questo, dunque, sarà il tema del confronto e delle proposte che l'Italia dei Valori affronterà nei Congressi nei prossimi giorni.

07/01/2010 16.36