Emiliano Di Matteo (PdL): «Odg per emergenza sicurezza nella Val Vibrata»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6108



ABRUZZO. Una risoluzione urgente del Consiglio Regionale d'Abruzzo per chiedere al Ministro dell'Interno, al Prefetto di Teramo e al Questore di Teramo, «di assumere tutte le iniziative opportune (aumento dell'organico delle Stazioni dei Carabinieri, invio di mezzi, istituzione di un commissariato di Polizia e di investigazione in una delle città costiere della Val Vibrata) in grado di ricondurre nella normalità il territorio e arginare il senso di sfiducia nelle istituzioni che altrimenti potranno solo produrre negatività sociali». L'iniziativa, definita significativamente «operazione sicurezza», è annunciata dal promotore, l'avvocato Emiliano Di Matteo, vicepresidente del gruppo consiliare regionale del PdL, e il territorio interessato è quello della Val Vibrata e di alcune città della costa teramana (Martinsicuro e Alba Adriatica in particolare, dove, a distanza di pochi mesi, si sono consumati due omicidi ad opera di rom) e «in cui da mesi – sottolinea l'esponente del PdL – si assiste a una preoccupante escalation di fenomeni, quali immigrazione clandestina, l'incremento del fenomeno di spaccio di droga e l'aumento del numero dei consumatori abituali, che di fatto hanno reso invivibili e pericolose intere zone cittadine».
Una situazione che ha generato un allarme sociale e una sempre più diffusa insicurezza nella popolazione, alla quale – dice Di Matteo – «la politica deve rispondere con concretezza e soprattutto tempestività, così da far riacquisire allo Stato quella autorevolezza che allontani prima possibile questi focolai di delinquenza e violenza che inevitabilmente rovinano l'immagine di un territorio che per storia, conformazione geografica e cultura continua a rappresentare una delle mete più ambite per i turisti».
30/11/2009 15.22