Antonio Imperi nuovo coordinatore dell'Idv di Ortona

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4360


ORTONA. E' Antonio Imperi, 34 anni, il nuovo coordinatore cittadino pro tempore Italia dei Valori Ortona.
«Ringrazio i vertici del partito che hanno creduto in me», ha commentato Imperi, «affidandomi il compito di guidare il partito sino all'espletamento dei congressi territoriali, all'indomani delle dimissioni e all'uscita dal partito del responsabile cittadino di Ortona Paolo Bucci».
Imperi sa che il percorso non sarà poi così facile: «dobbiamo intraprendere un cammino che vede come obiettivo il cambiamento radicale della politica ortonese. Politica che attualmente vive di conflitti di interessi, gestione del bene pubblico per interessi privati, ma soprattutto un' assenza del senso civico da parte delle istituzioni».
Per Imperi gli esempi che si potrebbero citare sono numerosi: «a partire dal Piano Regolatore bloccato, ad una Ortona Ambiente con molti lati oscuri ed una gestione dei rifiuti da rivedere, una valorizzazione del territorio assente, un programma occupazionale inesistente, una politica per i giovani e per la cultura inefficiente e per concludere una mancanza di un programma per il rilancio del commercio».
Tra gli obiettivi principali «presentare idee e progetti per una Ortona diversa, informare i cittadini su cosa fa e non fa la politica per loro, favorire un ricambio generazionale, guardare con interesse ai contenuti degli altri gruppi di centrosinistra ed alla società civile, guarderemo soprattutto ai programmi e alla serietà delle persone, purche' rispecchino i valori di base dell'Idv».
Imperi lascia una porta aperta anche al Pd: «seguiamo con particolare attenzione l'operato del Partito Democratico», ammette, «e chiedo, sin da ora, al loro segretario ed ai partiti che non si riconoscono nell'operato di centro-destra, di dare il proprio contributo per un'azione congiunta, nell'interesse dei cittadini per una vera alternativa di governo».
Domenica 15 Novembre, l'Idv sarà lungo il Corso con un gazebo, «per sottolineare la nostra presenza tra la gente e per incontrare le persone che vorrano partecipare alla vita di partito».

12/11/2009 8.53