Scontro a distanza Pezzopane- Zaia. Il ministro: «la querelo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8106

Scontro a distanza Pezzopane- Zaia. Il ministro: «la querelo»
L'AQUILA Grane in vista per la presidente della Provincia, Stefania Pezzopane, che ha partecipato martedì sera alla trasmissione di Italia1 Chiambretti Night.
La presidente, scelta da Chiambretti per partecipare al (finto) reality per scegliere il nuovo leader della sinistra italiana, nel corso del suo intervento ha attaccato il ministro dell'Agricoltura Luca Zaia.
Nonostante la Pezzopane avesse appena finito di fare i complimenti al presidente Berlusconi sull'emergenza terremoto è arrivata la stoccata a Zaia, colpevole, secondo lei, di essere arrivato il giorno del terremoto con un elicottero ad Onna, aver fatto una passerella davanti ai giornalisti ed essere subito ripartito.
«Eravamo ad Onna», ha raccontato, «il paese di mio padre, dove abbiamo perso tante persone. Io ero lì la mattina in un momento drammatico. Ho visto scendere il ministro dall'elicottero, l'ho visto proiettarsi verso una telecamera e poi andarsene. Questo mi ha ferito molto perché lì vicino c'era tanto dolore ».
Ma Zaia si è imbufalito. «Pezzopane ha detto cose false e gravissime. Ci vuole rispetto per i morti, ed evidentemente la Pezzopane non ne ha».
Giovedì sera ha telefonato al programma di Chiambretti e raccontato la sua versione dei fatti, totalmente discordante e ha anche annunciato una querela nei confronti della presidente («poi i soldi del risarcimento dei danni li donerò ai terremotati», ha assicurato).
«Le affermazioni della Pezzopane sono frutto di irresponsabilità», ha continuato il ministro, «isteria e malafede. Rimango allibito che, per ottenere un po' di consenso fra le sue parti, la signora non si faccia scrupoli a speculare sui morti. La sua è un'indecente concezione della politica e della comunicazione. Ciò risulta tanto più imbarazzante ricordandola inginocchiata davanti a politici e attori».
E' intervenuto nella polemiche anche l'assessore regionale Mauro Febbo che ha espresso la sua solidarietà al ministro.
Ma non solo, nella querelle si è inserito anche il Comandante Regionale Abruzzo del Corpo forestale dello Stato Davide De Laurentis che ha raccontato: «abbiamo accompagnato il Ministro a Onna, la localita' cosi' gravemente colpita dal sisma, dove ha avuto un incontro con alcuni dirigenti della Coldiretti e con altre Autorita' Istituzionali che erano sul posto, fra le quali l'assessore regionale all'Agricoltura, Mauro Febbo. Durante quell'incontro si e' fatto il punto sull'entita' dei danni provocati dal terremoto al settore agricolo e il Ministro ha illustrato i primi provvedimenti che il Governo avrebbe attuato per alleviare i disagi del comparto».
Una versione che smentirebbe quindi quanto detto dalla Pezzopane.
«Successivamente», ha detto ancora De Laurentis, «ha partecipato, per circa mezz'ora, a incontri televisivi e di natura giornalistica e, a seguire, il Ministro ha voluto essere accompagnato, munito di minime dotazioni di protezione individuale, per le vie di Onna, in mezzo alle macerie, nelle case il cui crollo, purtroppo, aveva determinato la perdita di vite umane».
Poi il Ministro ha voluto visitare una prima azienda zootecnica, nei pressi dell'abitato di Onna, dove e' stato accompagnato direttamente dal proprietario che segnalava la grave situazione del suo allevamento. «Alla fine della giornata ha voluto prendere visione personalmente della situazione del centro storico della città», ricorda De Laurentis, «e, al termine di questa lunga ed articolata visita, e' ripartito alla volta di Roma».
Ma la Pezzopane rilancia e rilascia altre dichiarazioni. «Fanno davvero sorridere le parole del ministro Zaia, che dovrebbe ringraziarmi per aver reso nota la sua visita ad Onna, di cui solo in pochi, fino a ieri, si erano accorti».
Per la presidente il racconto del ministro e del comandante del Corpo Forestale de Laurentis, «non fanno altro che confermare quanto ho detto. Che il ministro e' arrivato in elicottero ad Onna, che ha rilasciato qualche intervista e che si e' ben guardato dal far visita alla tendopoli di quel paese, a pochi passi dal "set televisivo", ignorando il dolore di quella gente, a soli due giorni di distanza dal sisma. Da un rappresentante del governo ci si aspetta un atteggiamento diverso. Il resto delle sue dichiarazioni si commentano da sole».


24/10/2009 9.06