Giulianova. Pdl:«urgente l’istituzione dell’Ente Manifestazioni»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6372



GIULIANOVA. Anche Giulianova deve avere il suo Ente Manifestazioni. E' la richiesta del gruppo consiliare Pdl, Paolo Vasanella, Andrea Rota e Gialluca Antelli.
I tre consiglieri chiedono una discussione «in tempi brevissimi», anche per risolvere una questione più volte aperta dal centrosinistra, e per poter approntare il calendario delle Manifestazioni qualitativamente e quantitativamente distribuite nell'arco dell'anno, con l'utilizzo di risorse economiche private, organizzando manifestazioni sportive, culturali ed artistiche.
Gli esponenti del Pdl pensano a spettacoli di musica lirica, prosa, balletti e jazz, che potrebbero attirare in città l'interesse di turisti italiani e stranieri.
Ma la questione è aperta (e irrisolta) da lungo tempo: già a gennaio 2006 è stata presentata la mozione relativa alla costituzione dell' Ente Manifestazioni e si votò per una risoluzione, presentata in quella occasione dai Capigruppo dei Ds, della Margherita, di Rifondazione Comunista e del Partito dei Comunisti Italiani.
«Agli atti», ricordano oggi i consiglieri del Pdl, «risulta come l'allora capogruppo Filipponi, oggi vice sindaco ed altri capigruppo della giunta Ruffini, quali D'Antonio, Braca e Macera e dallo stesso vicesindaco di allora Mastromauro oggi sindaco, durante la discussione relativa alla istituzione dell'Ente Manifestazione, ribadirono e dichiararono la loro volontà di dare seguito a detto strumento amministrativo , per altro, già inserito nel programma del sindaco Ruffini».
Eppure il voto unanime espresso da consiglieri di maggioranza e minoranza è rimasto inascoltato.
Cosa si sta aspettando?
«Il nostro comune ha una realtà economica a dir poco preoccupante», chiudono i consiglieri di centrodestra, «che dovrebbe spingere gli amministratori ad interessarsi concretamente del vivere quotidiano dei nostri cittadini, per disegnare la Giulianova del futuro».

23/09/2009 12.28