Spoltore nel caos. Di Lorito: «Basta con le beghe politiche del Pd»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3908

SPOLTORE. «Basta con le disquisizioni meramente politiche, si passi alle questioni serie», il monito arriva dal consigliere comunale dell’Italia dei Valori Luciano Di Lorito, ex Pd che adesso però richiama i suoi ex compagni al governo.


Per Di Lorito, sfiduciato qualche settimana fa e rimosso dall'incarico di presidente del consiglio comunale, la politica cittadina è impregnata di «dinamiche di partiti che ai cittadini non interessano nulla».
Nei giorni scorsi infatti il coordinamento comunale del Pd ha manifestato il malessere per la frattura con la segreteria provinciale con la quale non riesce più a dialogare.
Ma queste beghe tra compagni di squadra, secondo Di Lorito, non dovrebbe investire la vita amministrativa di Spoltore.
«I consiglieri comunali che orgogliosamente sono a governare», incalza l'esponente dell'Idv, «piuttosto che parlare di loro fatti politici personali che nulla hanno a che vedere con i problemi della nostra città, dovrebbero fare qualcosa per Spoltore che da tempo affonda in uno stato di ingovernabilità, di piena incapacità decisionale e di abbandono».
«Le poche volte» che il consiglio è stato chiamato a decidere su importati scelte che riguardano il territorio, attacca ancora Di Lorito, «i provvedimenti sono stati ritirati dal Sindaco e dai consiglieri che lo sostengono».
L'esponente dell'Idv chiede inoltre al primo cittadino di chiarire una volta per tutte «qual è la maggioranza che lo sostiene e quale è il programma di governo. Questo farebbe chiarezza ai cittadini spoltoresi che sono da mesi disorientati e attoniti, con il dubbio di molti se Spoltore ha ancora un Sindaco oppure no».
Da settimane ormai a Spoltore il clima è rovente anche perchè Di Lorito è stato sostituito dal consigliere Spadaccini, ex An.
Una mossa che non è piaciuta al segretario del Pd Castricone, oggi “disconosciuto” dai consiglieri del partito Democratico di Spoltore che ne hanno richiesto le dimissioni.

17/09/2009 14.54