Coletti:«Di Giuseppantonio perde tempo». Il presidente:«ancora bugie»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2232


CHIETI. E' serrato e continuo l'attacco che l'ex presidente della Provincia di Chieti, Tommaso Coletti, muove al suo successore Enrico Di Giuseppantonio: «è stato assessore provinciale già venti anni fa e nessuno lo ricorda».
Secondo Coletti i precari «li ho trovati io nel 2004 ed erano circa 170 più una ventina di consulenti inutili che sono stato io stesso poi a ridurre ai soli otto di cui parla il mio successore e trovando in questo anche notevoli difficoltà e resistenze per il meccanismo creato da chi mi aveva preceduta».
I lavoratori invece «non sono andati a casa nonostante le condizioni economiche e finanziarie ereditate fossero molto,ma molto più precarie della situazione ereditate dal presidente Di Giuseppantonio».
Per Coletti l'attuale presidente continua «a trovare scuse» per giustificare il ritardo accumulato nel nominare la giunta e nell'iniziare una seria attività amministrativa.
«Ha bloccato tutti i pagamenti dei contributi, delle forniture e dei lavori regolarmente eseguiti creando disservizi alla collettività», assicura l'ex presidente, «giustificando il tutto con una ipotetica carenza di fondi. Tutte menzogne. Gli atti propedeutici sono tutti regolari,con pareri favorevoli da parte dei dirigenti e con regolare copertura finanziaria. I creditori possono far valere i loro diritti e chi blocca i pagamenti si assume una grossa responsabilità, anche patrimoniale».
Secondo Coletti la nuova amministrazione potrebbe anche avere carenze di disponibilità per il secondo semestre per le spese non obbligatorie, ma per il passato, l'attività svolta dall'amministrazione precedente «è stata ed è tutta regolare».
«Smettesse di piagnucolare il nuovo presidente», incalza Coletti, «e dimostrasse di prendere qualche iniziativa e di avere qualche idea. Parlasse dei risultati dei giochi per il Mediterraneo a Bomba e delle difficoltà superate per portarceli, parlasse dei quattro palazzetti dello sport, Chieti,Ortona,Lanciano e Vasto, che nel passato erano completamente inagibili ed oggi ripristinati e funzionanti grazie alla iniziativa ed al contributo della provincia attraverso l”evento “Europei di Basket “ che tanto lustro e promozione ha dato al nostro territorio. I quattro “Gioielli” sono stati determinanti per avere i giochi sul nostro territorio ed hanno ospitato migliaia di persone in tutte le fasi sportive».

10/07/2009 9.30

DI GIUSEPPANTONIO:«COLETTI CONTINUA A DIRE BUGIE»


«È una fortuna per Tommaso Coletti che i cittadini non si siano ricordati dei miei anni come assessore provinciale, altrimenti avrei vinto le scorse elezioni provinciali con uno scarto ancora maggiore di quello con il quale gli elettori lo hanno sonoramente punito. Ormai il mio predecessore mente credendo di sapere che sta mentendo»: così il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, replica al suo predecessore che lo ha incalzato sulla stampa.
«In realtà – ha proseguito il presidente – i cittadini della provincia di Chieti hanno un ricordo nitido degli anni in cui, insieme alla Democrazia Cristiana, ho governato quest'ente, con risultati lusinghieri, a partire da Bellestate, e lasciando bilanci in ordine e ricchi di risorse economiche. Ho fatto verificare tutte le contestazioni che il mio predecessore ha esternato e posso tranquillamente affermare che continua a dire bugie: un esempio su tutti, i bandi Pit. La Regione non ha ancora dato il via libera alle risorse stanziate in quanto sta riprogrammando la redistribuzione dei fondi sul territorio a causa delle nuove esigenze scaturite dal terremoto del 6 aprile. Per non parlare poi della drammatica situazione delle finanze dell'ente: su questo punto, tuttavia, risponderò con atti e documenti in una seduta del Consiglio provinciale appositamente convocata, nel corso della quale Coletti dovrà giustificarsi, non certo io. Non sono certo tipo da piagnistei o da sterili chiacchiere».
10/07/2009 17.24