EUROPEE ABRUZZO. Il Pdl doppia il Pd. A L’Aquila affluenza a picco

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8175

IL DETTAGLIO DEL VOTO: * RISULTATI ITALIA  * RISULTATI ABRUZZO * PROVINCE: PESCARA, TERAMO, CHIETI, L'AQUILA * COMUNI: L'AQUILA, PESCARA, CHIETI, TERAMO






(INGRANDISCI IL GRAFICO)


ABRUZZO. A quanto pare non sono servite le navette dell'Arpa che facevano la spola tra L'Aquila e le località della costa, e neppure gli autobus militari: gli sfollati hanno disertato quasi in massa le urne.
Nel Comune dell'Aquila, quasi tre cittadini su quattro non si sono recati alle urne: solo il 27,9 degli elettori ha infatti votato, mentre la percentuale era stata del 73,1 nel 2004.
Ai cittadini dell'Aquila - dove si è votato solo per le Europee, poiché le amministrative dopo il terremoto sono state annullate - queste elezioni sono sembrate «distanti. Non ci penso all'Europa, in questo momento. Penso a quando e a come potrò ricostruire», dice uno di quelli che non è andato a votare.
E alle 21 e 21 minuti è tornata anche la paura: una scossa di magnitudo 3.6 è servita a ricordare a tutti, se mai ce ne fosse stato bisogno, che la terra non ha ancora deciso di smettere di tremare.
Alla base dell'astensionismo, concordano in molti, lo shock ancora forte per il terremoto e sentimenti di sfiducia negli interventi post terremoto.
A Piazza d'Armi, la principale tendopoli dell'Aquila con i suoi 1.800 sfollati, diverse persone hanno confermato di non aver voluto votare per protesta «e chi c'é andato - dice una di loro, che non ha voluto essere citata - ha scritto sulla scheda una parolaccia».
Protesta anche a Sulmona dove circa 1.300 schede elettorali sono state riconsegnate dai cittadini per protestare contro l'esclusione del capoluogo peligno dall'elenco dei 49 Comuni terremotati.

AFFLUENZA

E se ne capoluogo di regione il calo è stato repentino anche nelle altre province si è fatto sentire l'astensionismo. Dopo due giornate di voto l'affluenza in Abruzzo si è fermata al 61,99% contro il 73,40 del turno precedente.
Record di affluenza c' è stata a Teramo con il 72,21% e in lieve calo rispetto al voto precedente (78,03%). A seguire Pescara con il 68,6% (73,44% la volta precedente), a Chieti ha votato il 64,3% degli aventi diritto (69,1%). Picco a L'Aquila dove ha votato appena il 42,28% contro il 74,9% del turno precedente.

RISULTATO TOTALE IN ABRUZZO

Con lo scrutinio del 99,07% delle sezioni il Pdl si conferma primo partito della regione con il 44,5% delle preferenze (286.435). Si ferma al 22,35% il Pd (143.902 voti). Cresce l'Italia dei Valori che conquista il 13,71% (88.271). L'Udc raccoglie il 5,88% delle preferenze (37.874).
Gli altri si sono fermati tutti al di sotto del 5%: Rifondazione comunista, Sinistra europea e Comunisti italiani è al 4,26, Sinistra e Libertà 2,68%, Pannella- Bonino 2,32, Lega Nord 1,29%, Fiamma Tricolore 0,94, L'Autonomia 0,88%, Forza Nuova 0,82%, Liberal democratici 0,30%.

In tutta Italia, invece il Pdl pur crescendo rispetto alle precedenti Europee non ha sfondato il tetto del 40% ma si è fermato al 35,24%.
E' andata meglio invece all Pd che ha conquistato il 26,14% (+4% rispetto al risultato abruzzese), la Lega al 10,25% (+9% rispetto al voto regionale).
Boom abruzzese, invece, per l'Italia dei Valori che a livello nazionale ha conquistato solo il 7,98%.
Sotto il risultato regionale, invece Sinistra europea-Prc-Pdci (3,37%).
Confermati più o meno gli andamenti degli altri.

IN PROVINCIA DI L'AQUILA

A L'Aquila sono state scrutinate tutte le 409 sezioni. Il Pdl ha raccolto il 52,6% delle preferenze (56.935 voti), il Pd il 22,12% (23.918), l'Idv il 10,10% (10.920).
Gli altri sono tutti al di sotto del 5%: l'Udc si è fermata al 4,38% (4.735), Rifondazione- Sinistra Europea e Comunisti Italiani al 2,93 (3.168), Sinistra e Libertà al 2,42% (2.626), Bonino- Pannella 1,84% (1.995), L'Autonomia a 1,10% (1.196), Forza Nuova 0,77% (843), Lega Nord 0,77% (835), Fiamma Tricolore 0,67% (735), Liberal Democratici 0,17 (189)

IN PROVINCIA DI PESCARA

In tutta la provincia pescarese hanno votato 187.185 persone. Le schede bianche sono state 9.800 (5,235), quelle nulle 8.337 (4,45%) , quelle contestate e non assegnate 7.
Anche qui le 392 sezioni sono state scrutinate tutte.
Il Pdl ha raccolto il 44,22% delle preferenze (74.766 voti), il Pd il 22,67% (38.333), l'Idv è salita fino al 14,45% (24.435).
Gli altri sono tutti al di sotto del 5%: l'Udc si è fermata al 4,95% (8.369), Rifondazione- Sinistra Europea e Comunisti Italiani al 4,53% (7.670), Sinistra e Libertà al 2,36% (3.999), Bonino- Pannella 2,69% (4.556), L'Autonomia a 0,72% (1.196), Forza Nuova 0,74% (1.254), Lega Nord 1,31% (2.223), Fiamma Tricolore 0,78% (1.333), Liberal Democratici 0,52% (881)

IN PROVINCIA DI CHIETI

Nella provincia di Chieti il Pdl ha raggiunto il 41,38% delle preferenze (82.415 voti), il Pd il 20,74% (41.325), l'Idv il 16,61%% (33.094), l'Udc il 7,62% (15.186).
Gli altri sono tutti al di sotto del 5%: Rifondazione, Sinistra Europea e Comunisti italiani si sono fermati al 3,85% (7.684), Sinistra e Libertà al 2,76% (5.514), Bonino- Pannella 1,98% (3.959), L'Autonomia a 1,12% (2.235), Forza Nuova 1,16% (2.314), Lega Nord 1,29% (2.575), Fiamma Tricolore 1,14% (2.282), Liberal Democratici 0,28% (577)

IN PROVINCIA DI TERAMO

In tutta la provincia teramana hanno votato 188.218 persone. Le schede bianche sono state 12.179 (6,47%), quelle nulle 8.697 (4,62%) , quelle contestate e non assegnate 35 (0,01%).
Anche qui le 367 sezioni sono state scrutinate tutte.
Il Pdl ha raccolto il 43,22% delle preferenze (72.319 voti), il Pd il 24,10% (40.326), l'Idv l'11,84% (19.822), l'Udc il 5,72% (9.585), Rifondazione, Sinistra Europea e Comunisti italiani il 5,35% (8.955).
Gli altri sono tutti al di sotto del 5%: Sinistra e Libertà al 3,05% (5.119), Bonino- Pannella 2,66% (4.467), L'Autonomia a 0,63% (1.069), Forza Nuova 0,63% (918), Lega Nord 1,62% (2.713), Fiamma Tricolore 1,02% (1.717), Liberal Democratici 0,17% (298)

08/06/2009 8.54