Europee: Pdl chiude liste, ok a Mastella, fuori la rossa del Gf

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4129

ROMA. La parola definitiva spetterà a Silvio Berlusconi; ma ormai le liste dei candidati del Popolo della Libertà per le europee sembrano complete.

Poche le sorprese rilevanti, secondo quanto riferito da chi ha potuto leggere i nomi dei candidati: sarebbe escluso Paolo Cirino Pomicino, con buona pace dei 'piccoli' del Pdl, mentre è confermata la candidatura in testa di lista di Clemente Mastella.
Scremate poi alcune potenziali candidate che avevano sollevato qualche polemica: non ce l'avrebbero fatta ad esempio Angela Sozio (la 'rossa' del grande Fratello) e l'attrice Eleonora Gaggioli, mentre sarebbero confermate l'ex annunciatrice Rai Barbara Matera e, sebbene in posizione più incerta sulla lista, l'attrice Camilla Vittoria Ferranti.
Il criterio per la selezione dei candidati, spiega chi ha partecipato alla stesura delle liste, è stato quello di un «moderato rinnovamento».
Un modo per dire che i riconfermati, alla fine potrebbero essere più numerosi di quanto inizialmente ipotizzato dallo stesso Berlusconi che per Strasburgo ha chiesto «facce nuove».
L'obiettivo del Pdl è di piazzare almeno una trentina di eurodeputati (34, se le elezioni andranno particolarmente bene) contro gli attuali 28. Se i sondaggi confermeranno le aspettative, saranno quindi riconfermati una ventina di parlamentari e dunque solo 10 (o 14 nella migliore delle ipotesi) saranno le 'new entry'.
Molti quindi i parlamentari che dovrebbero restare fra Bruxelles e Strasburgo (le due sedi dell'euroassemblea): fra loro Mario Mauro (vice presidente del Parlamento Ue), Stefano Zappalà (ex capogruppo di Fi), Elisabetta Gardini, Roberta Angelilli, Giuseppe Gargani, Gabriele Albertini, Cristiana Muscardini, Alfredo Antoniozzi. Sarebbe confermata anche Iva Zanicchi.
Vi saranno poi alcuni giovani provenienti dal territorio, come Carlo Fidanza (vice capogruppo del Pdl al comune di Milano), Alfredo Pallone (consigliere regionale del Pdl nel Lazio). Infine, per quanto riguarda la campagna elettorale, il Cavaliere è stato chiaro: non si inizia prima della presentazione delle liste, che avverrà entro mercoledì, anche per ridurre la sovrapposizione con l'emergenza terremoto.

28/04/2009 10.56