D’Amico: «Coletti ha fatto bene. Sua ricandidatura buon segno»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2814

CHIETI. Il Pd ricandida Coletti alla Provincia di Chieti. D'Amico: «mandato molto positivo» e cerca di stemperare le polemiche della coalizione.


Da qualche tempo sul sito della provincia di Chieti è consultabile la relazione generale di fine legislatura redatta dalla presidenza.
C'è Un riepilogo degli interventi infrastrutturali, inerenti i lavori della viabilità e dell'edilizia scolastica, suddivisi per aree omogenee e comuni nonché la possibilità di fare, sulle due cose, un parallelo ed un confronto con quanto fatto e realizzato dalla precedente amministrazione di centrodestra nella legislatura 199/2004.
Il principio preso a riferimento per detto confronto sono le determine dirigenziali di assegnazione dei lavori alle ditte vincitrici delle gare appalto o di assegnazione diretta.
«La disamina della relazione e dell'elaborato riepilogativo delle attività concrete svolte dall'amministrazione Coletti sino a tutto il 3 Febbraio», ha commentato il capogruppo del Pd in Consiglio provinciale Camillo D'Amico, «manifesta, in positivo, una capacità di spesa notevolmente superiore rispetto alla precedente legislatura di circa € 50.000.000 in più. Questo è dipeso da una migliore gestione del bilancio, ripulito della pesantezza dei residui passivi e dal recupero sistematico di gran parte dei ribassi d'asta nelle gare di appalto dei lavori utilizzati per una gran mole di opere minori ed urgenti, nonché dal buon funzionamento della filiera istituzionale nel periodo del centro – sinistra ove alle province, soprattutto dalla regione, fu delegato un gran protagonismo nella pianificazione infrastrutturale territoriale e strategica».
Altro aspetto «significativo ed importante» per D'Amico è che «nessuna delle voci d'imposizione diretta della provincia (Imposta Provinciale di Trascrizione, RC Auto ed Enel) , in questi anni, è stato aumentato tant'è che, ancora attualmente, il loro livello è lo stesso che abbiamo trovato nel 2004».
Questo ha generato sì qualche difficoltà, confessa il capogruppo del Pd, «ma ha rappresentato una sicura salvaguardia per le tasche dei cittadini della nostra provincia che, soprattutto nel difficoltoso periodo corrente, hanno potuto riscontrare una provata sensibilità non solo nell'essere loro vicini, come nel caso dell'attivazione del fondo di garanzia per i prestiti alle famiglie meno abbienti e bisognose che a breve si attiverà, ma anche una concreta forma solidale nel non tartassarli».
«Di questo», ha chiuso D'Amico, «l'intera coalizione di centrosinistra dovrebbe andarne orgogliosa e riscoprire entusiasmi, motivazioni ed interessi per ricompattarsi».
Nei giorni scorsi, invece, Verdi, Rifondazione Comunista e Partito dei Comunisti Italiani avevano accusato il Partito Democratico di «ballare da solo» a proposito della riproposizione di Tommaso Coletti

[url=http://www.provincia.chieti.it/iframe.php?file=iFrame/governo/relazione.php&tp=3]LEGGI LA RELAZIONE[/url]

03/04/2009 11.36