Pineto, il Pd ha deciso: Monticelli «il combattente» ancora sindaco

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2902

PINETO. «L’80 per cento del programma realizzato, trasparenza e democrazia partecipata, contatto diretto con la cittadinanza».


Sono stati cinque anni positivi per la coalizione di centro sinistra di Pineto che con la lista “Pineto Democratica” che ha deciso di ripresentarsi alla collettività pinetese proponendo nuovamente Luciano Monticelli che ha guidato l'alleanza per un lustro.
Questa mattina la presentazione ufficiale del candidato sindaco dinanzi ai parlamentari Peppino Di Luca e Tommaso Ginoble (Pd), del consigliere regionale (Pd) Claudio Ruffini e del responsabile provinciale dell'Udc Lino Silvino, oltre ovviamente ai referenti locali dei partiti che compongono la coalizione di centro sinistra, quali Daniela Astolfi (Pd), Peppino Foschi (Udc), Ivano Roberti (Italia dei Valori), Ennio Colleluori (Pdci), Tommaso Di Febo segretario provinciale della Sinistra Democratica, Marta Illuminati (Prc).
Dunque una coalizione che dall'Udc arriva a Rifondazione passando per il Pdci e per gli altri partiti del centro sinistra.
La riconferma del sindaco uscente Luciano Monticelli era arrivata a maggioranza quasi assoluta al termine dell'assemblea del Partito Democratico che successivamente è andato al dialogo con gli alleati con idee chiare e soprattutto certezze.
Monticelli è stato definito dalla segretaria del Pd Daniela Astolfi un «combattente», capace di tenere unita una coalizione ampia.
Tutti hanno concordato nel fatto che se «ci si presenta con un programma attuabile, con uno sviluppo organico del territorio, dando la possibilità a ciascuna forza di poter esprimere la propria idea che nasce appunto dal contatto diretto con la gente, amministrare non è poi così difficile».
Il candidato sindaco Luciano Monticelli con commozione del suo intervento ha ricordato la figura di due grandi esponenti politici della città di Pineto che oggi, purtroppo, non ci sono più. Si tratta di Paolo Corneli, che è stato presidente del consiglio comunale, e del candidato Luciano Lanzi.
Ha parlato inoltre della sua esperienza amministrativa in questi 5 anni. «Cerchiamo sempre di ascoltare le esigenze di tutti», ha detto il sindaco uscente, «a volte però non abbiamo la soluzione per tutti e questo me ne dispiace molto. Il programma che fu presentato alla cittadinanza 5 anni fa è stato attuato per l'80 per cento. Siamo orgogliosi di aver realizzato un parco in ogni quartiere e di aver “accorciato” le distanze tra Scerne e Pineto realizzando una delle piste ciclabili più belle d'Abruzzo. Stiamo portando avanti la battaglia contro la petrolizzazione. Abbiamo instaurato dei rapporti internazionali, dato il nostro sostegno alla costruzione di una scuola in Darfur. Ma abbiamo avuto anche il coraggio di chiedere scusa alla gente per un errore che abbiamo commesso con la vicenda del T-Red. Siamo pronti a scendere di nuovo in campo, tra la gente. Ci attendono settimane molto impegnative».
Intanto, entro un paio di settimane la coalizione presenterà anche il programma elettorale, basato su pochi punti ma importanti per l'intera cittadinanza e il territorio.

28/03/2009 11.53