Centri Alzheimer: Interrogazione di Marinella Sclocco (Pd)

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1373


L'AQUILA. Con una interrogazione a risposta immediata la consigliera Marinella Sclocco (Pd) ha chiesto al Presidente della Giunta regionale e all'Assessore alle politiche socio-sanitarie quali iniziative la Giunta regionale ha assunto o intende assumere «per evitare che il Centro “Il Pettirosso” di Villa Sant'Angelo (Chieti) che ha portato avanti finora con successo il progetto obiettivo per la lotta al morbo di Alzheimer debba chiudere il prossimo 28 febbraio in attesa di accreditamento della Struttura presso la Regione».
La Sclocco ha anche evidenziato che «la procedura di accreditamento, nonostante sia stata già presentata entro i termini del 21 gennaio è stata “temporaneamente” sospesa dalla nuova Giunta regionale».
Da qui la necessità «di garantire la continuità nella erogazione dei 150 mila euro così come finora avvenuto anche perché – ha proseguito - la Struttura rientra nel nuovo Piano Sanitario Regionale e la continuazione del servizio non comporta l'apertura di nuove strutture e costi aggiuntivi. Non bisogna poi dimenticare che questa è l'unica Struttura attiva non solo nell'area metropolitana Chieti- Pescara ma in tutto l'Abruzzo con risultati conseguiti finora davvero eccellenti».
In Abruzzo, ha spiegato la Sclocco, sono presenti circa 240.000 anziani ultrasessantacinquenni (20%) e può essere stimato che il numero dei soggetti affetti da Demenza sia pari a circa 15000 - 17000 unità di cui oltre 2.500 gravi (1-2%) con un'incidenza di circa 3000 nuovi casi l'anno.
La Regione Abruzzo, in osservanza delle linee guida contenute nei Piani Sanitari con un espresso riferimento alla lotta all'Alzheimer e con propri atti deliberativi (n. 1785 del 6.8.1999, n. 708 del 12.04.2000 e n. 1143 del 30.01. 2001) aveva da tempo predisposto dei “Progetti Obiettivo” per la lotta al morbo di Alzheimer e in particolare per lo sviluppo di modelli assistenziali tra cui un apposito Centro Diurno.
Vengono quindi stanziati fondi pari a 150mila euro l'anno in conto capitale presso l'ASL di Chieti destinati a questo progetto. L'importo così stabilito corrisponde ad una spesa giornaliera pro-capite, per paziente, di 27euro necessari a coprire tutti i costi (per la struttura, per le utenze, per colazione e pranzo, per stipendi di assistenti sanitari e medici. Un costo davvero irrisorio se si considera soltanto quanto potrebbero costare solo per il servizio di ricovero alberghiero presso l'ospedale questi stessi pazienti).

24/02/2009 13.40