L'assessore regionale Mura: rivedere le politiche di lotta alla droga

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1065

(REGIONE FLASH) Pescara, 28 sett."La politica repressiva portata avanti, in questi anni, dal Governo nazionale sul fronte della prevenzione dell'uso delle sostanze stupefacenti ha prodotto risultati a dir poco fallimentari. Si è visto, in sostanza, che il ricorso pressochè sistematico alla detenzione non solo non è stata una misura rieducativa ma ha, per di più, contribuito ad aumentare, a livello esponenziale, la popolazione carceraria italiana. Una delle strade da percorrere, allora, per contrastare meglio il fenomeno è quella dell'integrazione socio-sanitaria mirando all'obiettivo di far coincidere gli ambiti sociali con i distretti sanitari". Lo ha sostenuto, questa mattina, a Pescara, al Museo delle Genti d'Abruzzo, l'Assessore alle Politiche Sociali, Elisabetta Mura, a conclusione dell convegno "Indipendenze -Uno Spazio di discussione pubblica". Un momento di confronto sul tema della prevenzione delle dipendenze e del consumo di sostanze stupefacenti organizzato dalla Regione per individuare risposte efficaci ad un fenomeno sempre più diffuso. Una anticipazione delle prossime iniziative messe in campo dal Governo regionale è stata offerta dall'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca, che, con il contributo dei tecnici del Comitato Tecnico Consultivo regionale, sta predisponendo una proposta di provvedimento regionale per l'istituzione del sistema regionale dei servizi per le dipendenze, organismo in cui verrebbero valorizzate le conoscenze scientifiche acquisite, le esperienze degli operatori dei Ser.T e delle comunità oltre a dare una forte spinta all'integrazionme socio-sanitaria per la costruzione di una efficace rete di sostegno a livello territoriale. Intanto, il confronto su tali tematiche proseguirà il prossimo 5 ottobre con un incontro che coinvolgerà direttamente gli operatori dei Ser.T e delle associazioni. "Occorre, a mio avviso, aprire una riflessione seria sull'utilizzo di tutte le sostanze, legali e non legali" ha concluso l'assessore Mura "valutando anche la pericolosità intrinseca delle sostanze stesse. Se si prende ad esempio l'alcolismo si può notare come abbia un impatto sociale a dir poco devastante con le 40 mila vittime che miete ogni anno in Italia". Tra gli interventi di spicco della giornata quelli di Franco Corleone, presidente del Forum dsulle droghe, di Paolo Ferrero, responsanbile politiche sociali di Rifondazione Comunista, di Giuseppe Fioroni, deputato della Margherita, e dell'assessore alle Politiche Sociali della Regione Umbria, Damiano Stufara. (REGIONE FLASH)