Le liste di Carlo Masci e Movimento per autonomie in appoggio a Chiodi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2908

ABRUZZO. Sono due le liste che appoggeranno, insieme al Pdl, la candidatura di Gianni Chiodi alla presidenza della Regione Abruzzo alle elezioni anticipate del 30 novembre prossimo.
Si tratta di Abruzzo Futuro, la lista creata dal consigliere comunale di Pescara Carlo Masci, che ha appena lasciato l'Udc, e il Movimento per le autonomie.
A presentare Abruzzo futuro sono stati oggi, a Pescara, Carlo Masci e il senatore del Pdl Gaetano Quagliariello inviato in Abruzzo dal partito per coordinare la fase pre-elettorale.
Quagliariello ha parlato di questa lista come del «segno del Pdl che cresce, ed e' un segno bene augurante».
Ha anche ricordato che «nei giorni scorsi il consigliere regionale Mario Amicone dell'Udc ha fatto la stessa scelta di Masci e in Abruzzo - ha aggiunto - tante persone stanno maturando una decisione in questo senso. La casa comune - ha concluso - sara' molto piu' grande e non si fermera' alla somma di Forza Italia e Alleanza nazionale, ma sara' qualcosa di diverso, e il passaggio dalle vecchie case alla nuova casa impone una fase di transizione. Quello di oggi e' il primo atto per la definizione del volto con il quale il centrodestra correra' alle regionali».
Masci ha spiegato di aver lasciato l'Udc perche' «non potevamo accettare un'alleanza col Pd, ne' potevamo accettare di continuare a girovagare. Il Pd - ha commentato – ha rappresentato un elemento dirompente e pericoloso di fare politica, e con coloro che governano e amministrano in tante comunita' locali non ci puo' essere il cambiamento. Noi vogliamo far parte a pieno del cambiamento e ora, appoggiando Chiodi, riteniamo di avere davanti una speranza in tal senso.
Non potevamo non esserci. Certo - ha proseguito - il distacco dall'Udc e' difficile e lascia amarezza».
Masci ha criticato anche l'Idv: «Antonio Di Pietro fa il moralizzatore - ha detto il leader di Abruzzo futuro - ma fino a pochi mesi fa insisteva per entrare nella giunta regionale».

18/10/2008 14.09