Fossacesia: «Tutti insieme per scegliere il Prg»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2397

FOSSACESIA. Pianificazione urbanistica condivisa: Questo l’obiettivo della riunione convocata per mercoledì 8 ottobre 2008 alle ore 12.00, dal sindaco Enrico Di Giuseppantonio.
Il primo cittadino ha invitato i colleghi sindaci di Lanciano, Santa Maria Imbaro, Mozzagrogna, Paglieta, Rocca San Giovanni e Torino di Sangro presso il Municipio di Fossacesia.
Per elaborare concrete ipotesi di lavoro che saranno declinate nelle prossime fasi di redazione del PRG di Fossacesia, alla riunione sono stati invitati anche i responsabili dei rispettivi settori tecnici comunali, in modo da studiare nel merito le soluzioni individuate nel corso del confronto tra amministratori.
La redazione del PRG di Fossacesia, affidato allo Studio Bona di Lanciano, ha seguito fin dall'inizio le nuove regole di urbanistica concertata. Una procedura, avviata nel 2005, che ha già considerato le osservazioni dei cittadini, delle associazioni e delle imprese nella individuazione delle direttrici fondamentali di sviluppo.
Nello specifico, la città crescerà lungo gli sbocchi naturali, la provinciale per Lanciano e la provinciale per il Sangro, mentre le possibili zone di potenziamento delle aree produttive e commerciali sono individuabili nei pressi del casello autostradale ed in località Sterpari.
La zona della Marina tra la statale 16 Adriatica, la spiaggia, il nucleo sportivo ed il porto turistico potrebbe essere riservata ai soli servizi al turismo ed alla balneazione con strutture di impatto molto contenuto, considerando anche il progetto di riuso delle aree di risulta dell'ex tracciato ferroviario, volto a valorizzare il tratto di costa interessato nell'ottica dello sviluppo sostenibile del territorio.
«Per noi la parola chiave è valorizzazione», ha detto il sindaco Enrico Di Giuseppantonio, «innanzitutto nel significato di attenzione alla qualità delle aree urbane, alla bioarchitettura, al risparmio energetico, alla qualità ambientale in generale e anche come recupero del nucleo storico di Fossacesia, tutela del patrimonio edilizio urbano ed extra-urbano e del paesaggio agricolo».
L'attuale strumento urbanistico risale al 1998 ed è dunque relativamente recente; tuttavia, negli ultimi anni si è avuto un sviluppo demografico e produttivo molto rapido, che ha esaurito progressivamente le capacità previsionali del piano vigente.
01/10/2008 12.03