Filovia: Montesilvano decide, Pescara tentenna

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3728

PESCARA. L'amministrazione comunale di Montesilvano ha consegnato le aree dell'ex tracciato ferroviario comprese tra il confine con Pescara fino a via Marinelli, alla società di trasporto pubblico locale Gtm, ente appaltante per la realizzazione del sistema filoviario.


Soddisfatti i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti che in passato avevano dovuto fare i conti con il no della giunta Cantagallo:
«finalmente dopo anni di contrasti ed incomprensioni», dicono le segreterie provinciali, «si fa chiarezza su una vicenda che per alcuni versi appare paradossale».
Resta ancora in sospeso, invece, la decisione del Comune di Pescara che affronterà per l'ennesima volta la questione in consiglio comunale. «L'area metropolitana», continuano i rappresentanti dei sindacati, «ha bisogno di un trasporto pubblico appetibile in grado di rispondere alle esigenze della collettività tentando di contrastare e, se possibile, vincere la concorrenza spietata del trasporto privato».
Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti si appellano adesso al Comunale di Pescara «che a nostro avviso, oltre ad esprimere giudizio di merito (peraltro alquanto tardivo) sui benefici derivanti dalla realizzazione dell'opera, dovrebbe valutare il grave impatto economico che potrebbe maturare a carico dei propri cittadini, qualora la filovia venisse ulteriormente osteggiata, a partire dalla mancata consegna delle aree di riferimento».




29/07/2008 10.35