Sicurezza stradale, al via lavori per 2,8 milioni sulla Lungofino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2077

PESCARA. Consegnati ieri mattina dalla Provincia di Pescara, all’impresa esecutrice, i lavori per la realizzazione del lotto “b” della strada provinciale “Lungofino”, per un importo che supera i 2,8 milioni di euro.
La ditta aggiudicatrice dell'appalto, la “Edil Asfalti srl” di Città Sant'Angelo, avrà adesso a disposizione 425 giorni per portare a termine gli interventi, in base al contratto sottoscritto con l'amministrazione guidata da Giuseppe De Dominicis.
In dettaglio, le opere riguardano un tratto compreso tra gli abitati di Elice e Città Sant'Angelo, per complessivi 6,5 chilometri; i lavori serviranno soprattutto per mettere in sicurezza la carreggiata, eliminare le curve pericolose, migliorare la segnaletica verticale e “a raso” nel tratto più densamente popolato di aziende, ovvero quello che guarda le aree industriali e artigianali di Piane di Sacco, Castilenti, la Vallata del Saline e del Tavo-Fino.
Arteria di valore strategico per la viabilità di due province, Pescara e Teramo, interessata alla presenza di importanti e sempre più numerosi insediamenti produttivi, la Lungofino sviluppa complessivamente oltre 23 chilometri di lunghezza.
Con la consegna di ieri dei lavori sul lotto “b” si chiude un lungo e complesso iter amministrativo, che ha portato tra l'altro la Provincia di Pescara a intervenire direttamente anche per la sistemazione di alcune clamorose “incompiute” altrui, come il ponte in località Piane di Sacco, nel territorio di Città Sant'Angelo: al centro di un lunghissimo contenzioso tra impresa e Consorzio industriale Valpescara, è ora finalmente prossimo all'apertura al traffico. Soddisfatto il presidente della Provincia, De Dominicis, che afferma: «tra poco più di un anno sarà riconsegnata ad una vasta area del nostro territorio, alle imprese e ai cittadini, una strada in perfette condizioni d'uso».
25/07/2008 11.52

LA PROTESTA DELL'ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA STRADA

«Il presidente pro-tempore De Dominicis strumentalizza ennesimi finanziamenti per mera propaganda elettorale ad personam, ammettendo così la persistenza di pericolo sulle strade provinciali», denuncia Paolo D'Onofrio, referente AIFVS, Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus.
«Si adoperi, piuttosto, per favorire una vera riconciliazione con i familiari delle vittime innocenti.
Ricordo che i presunti 'aiuti' sbandierati - da quegli uffici imputati e condannati - sono solo chiacchiere. La verità è che, a otto anni dall' "omicidio stradale" del giovane Marco, non è stata ancora riconosciuta la condizione di vittime alla famiglia. Tornerebbe utile una puntuale verifica di bilancio e l'attuale consistenza strutturale della famigerata Strada Provinciale Lungofino».
25/07/2008 17.27