Campari e Finmek: «urge intervento energico del Governo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1889




L'AQUILA. La Provincia vuole una proroga del secondo anno di cassa integrazione per la Campari e di un ulteriore anno anche per la Finmek e procedere speditamente alla verifica delle proposte industriali delle diverse imprese interessate a rilevare i siti sulmonesi.
Queste le principali richieste contenute in una nota, inoltrata dalla presidente della Provincia dell'Aquila, Stefania Pezzopane, ai Ministri dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola e del lavoro, Maurizio Sacconi.
«Non ammettiamo tentennamenti, né dubbi da parte di nessuno- ha commentato la presidente Pezzopane- Né ci piacciono le fughe in avanti di qualche parlamentare. Chiediamo, invece, alle istituzioni del territorio, Regione, Comune di Sulmona e parlamentari di tutte le forze politiche, in particolare quelli espressione dell'attuale maggioranza del governo Berlusconi, di fare squadra, affinchè si possa esercitare ogni forma di pressione sull'esecutivo».
La Provincia reclama «con urgenza» non solo il tavolo nazionale, previsto nel Protocollo d'intesa per la Valle Peligna, «ma anche la presenza del Ministro Scajola a Sulmona e l'Aquila. Una visita annunciata più volte dal centro destra in campagna elettorale, ma che a tutt'oggi rimane lettera morta».
«Il governo faccia tutto il possibile», continua la presidente, «per rendere operativa da subito la Commissione Lavoro, istituita presso il Ministero dello Sviluppo per l'attuazione del protocollo d'intesa sulla Valle Peligna».


07/07/2008 14.50