La contestazione: «manca Israele nei giochi del Mediterraneo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1737

LA PROTESTA. ABRUZZO. L'associazione Amici d'Israele "Abruzzo" contesta la mancata partecipazione d'Israele ai prossimi Giochi del Mediterraneo, che si svolgeranno a Pescara a giugno 2009.

«La notizia», spiega Massimo Vene, responsabile dell'associazione, «generano sentimenti di sconforto, di demoralizzazione e di delusione, tanto più perché si pensava di poter vivere finalmente in un nuovo secolo caratterizzato dalla pace e dalla fratellanza tra i popoli».
Per l'associazione non esiste miglior manifestazione sportiva che potesse tentare un nuovo avvicinamento: «ed invece proprio quello stato che prende il nome d'Israele, simbolo e baluardo di democrazia, mancherà a tale avvenimento».
Le parole del presidente del Comitato Organizzatore, Sabatino Aracu, per l'associazione «contrastano visibilmente con le scelte del Comitato di non accreditare gli atleti israeliani alla partecipazione ai Giochi. Aracu in una recente intervista su mediterranews aveva sottolineato come «lo sport, grazie alla sua enorme potenza simbolica, può affermare il valore della multiculturalità, il miracolo di tenere insieme mille tasselli diversi e dare corpo a un solo straordinario puzzle».
«Peccato», riprende l'associazione, «che ha dimenticato un tassello necessario per completare il puzzle: Israele. Il Mediterraneo è incompleto senza Israele; ho è già stato cancellato dalle cartine geografiche ?»

04/07/2008 9.28