Allarme Finmek Solution:«il problema va gestito dagli enti superiori»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1958

L’AQUILA. «Non si possono lasciare da soli gli enti locali a gestire una criticità che ha ramificazioni strutturali e logistiche ed influenze economiche, internazionali». E’ l’ennesimo allarme lanciato ieri dal sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, e dalla presidente della Provincia, Stefania Pezzopane.


«Provincia e Comune, grazie al sostegno dei rappresentanti del purtroppo breve Governo Prodi», ha detto Cialente, «hanno focalizzato da mesi la soluzione del problema ed avviato contatti importanti per un possibile passaggio di consegne industriali che darebbe nuovo vigore al sito aquilano della Finmek Solution. Dopo i ripetuti contatti informali con il Presidente del Consiglio dei Ministri e con lo stesso Ministero delle Attività Produttive dei giorni scorsi, ieri è stato lanciato congiuntamente un allarme su questa vertenza. E' stato chiesto formalmente e con urgenza un incontro con il Ministro Scajola per aggiornarlo della situazione odierna e per indurlo a prendere in consegna il testimone di questa sfiancante corsa ad ostacoli. Non c'è più tempo».
«Comune e Provincia», ha detto Pezzopane, «hanno fatto finora tutto il necessario, andando oltre le proprie competenze e riuscendo ad individuare anche partner industriali disposti a valutare un investimento sul territorio. E' ora che l'azione si sposti sui tavoli di chi ha competenze operative di politiche industriali e reale forza contrattuale. Abbiamo chiesto ufficialmente al nuovo Governo, in realtà lo stesso da cui abbiamo ereditato questa situazione, di occuparsi di Finmek Solution ed indicarci tempi e modi di una non rinviabile negoziazione nazionale. La storia la conoscono bene, è la stessa che nei trascorsi 5 anni alla guida del paese hanno accuratamente schivato. Ora però, che la soluzione è perlopiù “apparecchiata” il disinteresse rischia di compromettere anche l'ultima chance. Non possiamo permettercelo per pregiudizi politici, ritardi o ignavia».
Alla Regione, che ha più voce, i due amministratori hanno chiesto di associarsi all'appello, ed al nuovo Assessore Boschetti di farsi subito parte attiva.
Intanto a Roma ieri, presso la sede di Sviluppo Italia, si è tenuta l'Assemblea sulla difficile situazione economica della SPA L'Aquila Sviluppo. L'incontro ha avuto carattere interlocutorio. La discussione è stata rinviata a breve termine per permettere l'acquisizione di ulteriori elementi indispensabili ad una valutazione di rilancio del ruolo e dell'efficacia della SPA nel processo di industrializzazione del territorio.

25/06/2008 10.11