Provincia Chieti, variazione di bilancio da 13 mln, «ma i conti non tornano»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1526

CHIETI. Ancora una variazione di bilancio, ancora una bocciatura da parte dei Revisori dei Conti per il governo Coletti: e i conti della Provincia continuano a non tornare.

«Stavolta siamo in presenza di una variazione di bilancio da record: 13 milioni di euro», annunciano i consiglieri di An, Fi e Udc.
«Ciò significa che aver voluto approvare il Bilancio di previsione a tutti i costi entro il 31 dicembre non è servito a niente. E ora siamo arrivati al paradosso: la maggioranza, come preannunciato in Commissione dal consigliere Silvio Paolucci, segretario provinciale del Pd, chiederà il ritiro della delibera al prossimo Consiglio Provinciale».
I Revisori dei conti hanno espresso forti critiche e perplessità sulla gestione finanziaria rilevando anche errori materiali e, in tema di irregolarità, hanno segnalato alla Corte dei Conti la determina dirigenziale del 19 dicembre 2007 che contiene un impegno di spesa per prestazioni già effettuate; non hanno potuto certificare l'accordo sulla Contrattazione decentrata integrativa «verificato che la copertura finanziaria non è pienamente assicurata».
«I revisori, inoltre», spiegano ancora i consiglieri, «hanno invitato la Giunta a rinviare l'impegno per circa 2 milioni di euro da destinare alla spesa corrente a dopo l'approvazione dell'assestamento di bilancio cioè dopo il 30 settembre 2008; hanno contestato la destinazione di 2 milioni e mezzo di euro per il finanziamento di opere pubbliche già realizzate quando tale somma doveva essere destinata alla copertura di mutui e finanziamenti precedenti».
«E' allarmante lo scenario politico e finanziario che si prospetta dopo quattro anni di amministrazione - dice il capogruppo di An Mauro Febbo. La maggioranza, dopo l'addio
dei Verdi e dell'Udeur (Rifondazione Comunista resiste ancora) si regge solo grazie ai voti dei due "voltagabbana" Manci e Campli mentre il Bilancio è stato fatto a pezzi e i Revisori dei conti continuano a segnalare irregolarità e problemi di natura strettamente finanziaria».
«Questa Amministrazione - dice il capogruppo dell'Udc Nicola Cicchitti - sta cercando di intervenire a pioggia su tutto il territorio dopo averlo trascurato per quattro anni. Ma ormai non solo il tempo è scaduto ma non ci sono neppure le risorse finanziarie come dimostra la contestata delibera sulla variazione di bilancio».
«I nostri ripetuti allarmi sull'esponenziale crescita della spesa corrente vengono puntualmente confermati dai Revisori dei conti - chiude il capogruppo di Fi, Nicola Argirò. Ciò significa che la prossima amministrazione potrebbe ereditare un Ente sull'orlo del dissesto finanziario».

17/06/2008 10.59