A San Salvo il bilancio comunale è partecipato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

907

La proposta di bilancio 2006 già varata dalla giunta e fra qualche giorno all'attenzione del Consiglio comunale per la sua approvazione definitiva, è stata sottoposta dall'Amministrazione comunale alle Rsu del Comune ed alle associazioni di categoria, invitate ieri sera ad un incontro promosso dal sindaco Gabriele Marchese e dall'assessore al bilancio Agostino Monteferrante.
Dal confronto sono emerse due nuove proposte che l'Amministrazione si è detta disponibile ad accogliere.
«Il nostro bilancio è uno strumento partecipato- spiega Marchese- che prima della sua approvazione in giunta ha vissuto una intensa fase preparatoria al seguito di due distinti incontri che abbiamo avuto con i cittadini. A questo punto abbiamo voluto coinvolgere anche i sindacati e le associazioni di categoria perché potessero dire la loro su questo nostro strumento programmatorio. E devo dire che sono venute alla luce un paio di proposte che andranno a rafforzare la nostra azione di governo».

Sul merito delle due proposte interviene l'assessore Monteferrante ha detto: «Nell'ambito dei buget che abbiamo definito, troveremo il modo, nel corso del 2006, di impegnare somme per sistemare alcune strade di campagna che meritano la nostra attenzione. Inoltre- prosegue l'assessore- abbiamo valutato anche la necessità di sostenere i cittadini e gli esercizi commerciali nell'abbattimento delle barriere architettoniche . Per questo secondo intervento abbiamo in mente di proporre uno strumento simile a quello già messo in pratica per favorire la ristrutturazioni delle facciate nel centro storico, cioè un contributo da parte del Comune per azzerare gli interessi sui mutui che i cittadini hanno stipulato per procedere alle ristrutturazioni. Riteniamo sia una forma che potrebbe funzionare anche per interventi di abbattimento delle barriere architettoniche. Bisogna studiare bene il progetto».
«La cultura del bilancio partecipato- conclude il sindaco- ci consente di intervenire dove le esigenze della gente, dei nostri quartieri sono più sentite. Lo facciamo attraverso una programmazione seria, rigorosa ma al tempo stesso concreta, perché nel 2006 porteremo a conclusione una serie di opere di interesse generale che stanno cambiando il volto della nostra città».
11/01/2006 14.48