Filovia Chieti, i lavori finiscono il 30. Il 5 maggio arriva l'elettricità

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1270

CHIETI. «Altro che in graticola sulle Iene. Noi meritiamo una medaglia per essere riusciti a rimettere in moto la Filovia». Il sindaco Francesco Ricci ed il fido assessore ai Lavori pubblici Luigi Febo rilanciano sulla polemica che da un mese infiamma le cronache locali: riusciranno entro il 1°maggio a completare finalmente i lavori infiniti della linea elettrica di trasporto urbano?
A sentire le loro rassicurazioni pare proprio che questa volta ce l'hanno fatta. I lavori, secondo quanto ha assicurato l'assessore, termineranno il 30 aprile e il 5 maggio sarà immessa tensione elettrica sui fili.
«Febo», ha assicurato Ricci, «ha fatto miracoli per rimettere a posto il progetto lasciato in eredità dall'amministrazione Cucullo. E se tornano le Iene, alle quali non ci siamo sottratti anche se il montaggio del servizio Tv non ha rispettato in pieno quello che avevamo detto, saremo ben felici di far vedere che i lavori sono terminati».
In pratica i cittadini potranno salire sui filobus dopo una serie di messe a punto e dopo la formazione degli autisti, la cui "patente" si acquisisce sul campo, cioè proprio guidando la filovia e su quel percorso specifico.
Insomma rodaggio dei mezzi e degli scambi, acquisto di altri mezzi, (oltre i 7 già esistenti), e tra un paio di mesi il servizio riprenderà per andare a regime completo il prossimo anno, quando i mezzi saranno 12 e altrettanti gli autisti patentati e abilitati a questi autobus elettrici.
Ma qual è la colpa dei continui ritardi? Su questo il centrosinistra ha le idee chiare e mette sul banco degli imputati «l'approssimazione delle scelte amministrative e tecniche della precedente amministrazione, che nel 1993 ordinò l'interruzione del servizio di filovia e fece smontare le linee, senza avere pronti fondi e progetti per il rifacimento».
Fondi che arrivarono nel 1999 e lavoro che fu appaltato nel 2000, con inizio lavori nel 2001.
«Poi ci furono anche alcuni problemi tecnici in via dei Vestini (la filovia va da Sant'Anna, zona Cimitero fino all'università e a Chieti scalo)», ha ricordato l'assessore Febo, «e alla vecchia rimessa hanno ritardato i lavori, finché nel 2006 è partito il secondo lotto dei lavori, con tutte le varianti migliorative del percorso e delle attrezzature. Fine dei lavori, come detto, 30 aprile. Poi collaudo dei mezzi».
«Da aprile 2005, in tre anni, abbiamo chiuso un lavoro che era fermo dal 1993: questa è la vera storia della Filovia di Chieti», ha chiuso Ricci promuovendosi a pieni voti.
Sebastiano Calella 28/04/2008 10.17