Bernini (Uniti a Sinistra): «puntiamo al recupero dei resti del passato»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1032

VERSO IL VOTO A FRANCAVILLA. Moreno Bernini è il candidato sindaco di Uniti a Sinistra per Francavilla al Mare. Figlio di un partigiano ex minatore che gli trasmette la passione per la politica nel 1986 è tra i soci fondatori dell'Associazione Culturale Buendia e del Periodico Primo Foglio.
VERSO IL VOTO A FRANCAVILLA.
Moreno Bernini è il candidato sindaco di Uniti a Sinistra per Francavilla al Mare. Figlio di un partigiano ex minatore che gli trasmette la passione per la politica nel 1986 è tra i soci fondatori dell'Associazione Culturale Buendia e del Periodico Primo Foglio.



Lunga la sua militanza in politica. E' consigliere comunale dell'ex Pci dal 1993 al 1995. E' assessore all'Urbanistica e all'ambiente nell'amministrazione Bruno di centrosinistra dal 1996 al 1998. Durante il suo assessorato viene approvato il Piano Regolatore Generale dopo 17 anni e viene avviata la raccolta differenziata in città. Oggi il suo programma punta a definire la vocazione della città valorizzando le risorse esistenti (agricoltura, terziario) e le potenzialità (Turismo e artigianato). Sintetico e deciso nelle sue risposte.

Quali sono stati secondo lei i punti di forza e quelli di debolezza della passata amministrazione?
«Un punto di forza è stato certamente l'adesione al circuito delle città slow. Quello di debolezza, però, non aver fatto azioni conseguenti».

Quali sono i tre problemi irrisolti che vi ritroverete in eredità?
«Un porto turistico impattante, un crollo delle presenze estive, accordi di programma poco convenienti per il Comune».

Ci illustra una sua idea per sviluppare il Turismo della città?
«Ci vuole un regolamento per l'affitto delle case in estate attualmente in totale deregulation».

E per lo sviluppo?
«Puntiamo ad uno sviluppo sostenibile con particolare attenzione al recupero e valorizzazione dei resti del passato. Penso alle torri, alla zona archeologica di Villanesi».

Quali sono le prime tre cose che farete nei 100 giorni iniziali in caso di vittoria?
«Sicuramente l'avvio degli scavi della zona archeologica di Villanesi. Poi pensiamo ad affidare un incarico ad un urbanista di fama per il nuovo PRG. Bisogna poi subito mettersi al lavoro per la riduzione costi della politica».

10/04/2008 12.24