Il Pd contro il sondaggio che incorona Chiodi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1066

TERAMO. Il gruppo del Pd in consiglio comunale si scaglia contro l'indagine che, nei giorni scorsi, ha promosso a pieni voti il sindaco Chiodi e la sua amministrazione. LA PROMOZIONE DEL SINDACO
Dall'indagine telefonica, commissionata alla società Digis, è emerso che 8 teramani su 10 amano il primo cittadini e che ben oltre la metà dei residenti è soddisfatta di quello che sta facendo in questi mesi la giunta.
Scettico il Partito Democratico che contesta domande e modalità dell'intervista.
«Non è dato sapere», scrive il gruppo di centrosinistra in una nota, «in che modo sono state poste le domande. Un'indagine accorta e rigorosa deve riportare esattamente che cosa è stato chiesto all'intervistato, altrimenti la risposta è insignificante».
Dubbi anche sulle domande inerenti ai siti di archeologia: «dopo quattro anni di amministrazione i siti sono nella stessa condizione, se non peggiore, del 2004» e poi ancora «lascia stupiti il quesito sulle iniziative per i giovani o la domanda sulla classifica del "Sole 24 ore", abbiamo dimostrato, in più occasioni, come quei dati non sono significativi anzi addirittura fuorvianti».
E il Pd domanda, inoltre, perché non siano state poste domande su «cosa pensano i cittadini del traffico a Teramo nelle ore di punta, se le iniziative cervellotiche dell'assessorato al traffico non abbiano contribuito ad impoverire le attività commerciali delle due circonvallazioni e di Porta Romana; se i cittadini apprezzano la occupazione del suolo pubblico ad opera di privati con tendoni da circo, se negli ultimi quattro anni è cresciuta la sicurezza dei cittadini o se invece non ci sia stato un degrado ed un preoccupante incremento della microcriminalità».
E il centrosinistra ricorda come «fino ad oggi questa amministrazione sta realizzando solo ed esclusivamente le opere progettate e messe in cantiere dal precedente sindaco Sperandio, dallo Stadio al Centro Commerciale, dal PRG, alla strada per l'Università all'ipogeo di piazza Garibaldi».
27/03/2008 9.31