Nomine Aptr, protestano anche i Ds teramani

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1023

Ancora malumori per le nomine nel Consiglio d'Amministrazione dell'Aptr fatte dalla giunta regionale.
Ancora una volta sono i Democratici di sinistra di Teramo a protestare per le logiche adottate che evidentemente li penalizza. Un a lotta di poltrone, potere ed interessi tutta interna alla maggioranza e che nulla sembra avere a che fare con l'interesse pubblico o quello del semplice comune cittadino.
«La scelta della Regione Abruzzo di escludere, ancora una volta, nel silenzio dei consiglieri regionali teramani di maggioranza e di minoranza, un rappresentante della provincia di Teramo dal Consiglio d'Amministrazione dell'APTR è un atto grave di miopia politica e di arroganza», scrive la sezione dei Ds, «E' miope ritenere di poter governare il turismo abruzzese escludendo dal governo dell'azienda regionale ( il braccio operativo ) la sola provincia di Teramo che rappresenta, in termini di strutture alberghiere ed extra - alberghiere, di arrivi e di presenze il 65-70% dell'intero settore turistico dell'Abruzzo. E' un atto di arroganza ritenere che solo questa provincia, che sul campo anno dopo anno con il concorso degli operatori, dei Comuni e della Provincia riconquista il suo primato, non possa esprimere professionalità adeguate al livello di componente del Consiglio d'Amministrazione dell'APTR. A che cosa si devono, Signori Amministratori Regionali, i numeri e la forza del turismo teramano se non al concorso armonico di tante e diverse professionalità?».

Il gruppo consiliare dei Democratici di Sinistra continuerà a sostenere il lavoro degli operatori turistici e ad impegnarsi nell'elaborazione ed attuazione di politiche sempre più efficaci e adeguate alla complessità e alla forza del turismo teramano,- prosegue la nota- in particolare, assieme alle forze imprenditoriali ed istituzionali,si darà vita ad una serie di iniziative volte a realizzare, nel più breve tempo possibile, una profonda riforma dell'APTR, dei suoi strumenti di programmazione e di azione, delle sue regole costitutive e della sua ubicazione.
La comunità attende.

04/01/2006 19.20