Il Centro servizi anziani incrementa i servizi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1023

L’AQUILA. Aumentano i servizi per la terza età erogati dall’istituzione Centro servizi anziani (Csa) del Comune dell’Aquila, il cui bilancio per l’anno in corso – approvato ieri dal Consiglio comunale – ha segnato un incremento rispetto al passato, toccando quota 3 milioni e 300mila euro.
«Soddisfazione» per il voto consiliare – unanime, con una sola astensione – è stata espressa dal presidente dell'istituzione, Venanzio Gizzi, che ha affermato come «la programmazione del triennio 2008-2010 sia destinata soprattutto a un innalzamento della qualità e della quantità dei servizi, incidendo profondamente sulle categorie più svantaggiate, quali gli anziani non autosufficienti».
«Oltre alle prestazioni già in atto, che saranno mantenute – ha aggiunto Gizzi – quali quelle domiciliari (nelle case degli utenti), semiresidenziali (svolte in strutture residenziali o alberghiere) e residenziali (effettuate all'interno della casa albergo ex Onpi), nel prossimo triennio il sistema di offerta dei servizi sociali e socio sanitari segnerà un'ulteriore crescita. Lo scopo è di garantire interventi mirati alle persone anziane non autosufficienti, anche dando loro la possibilità di poter continuare a vivere nel proprio domicilio».
«È prevista, infatti – ha proseguito Gizzi – l'imminente attivazione dei servizi di centro diurno e di telesoccorso e teleassistenza, che verranno ulteriormente ampliati mediante il Piano locale per la non autosufficienza (Plna), predisposto dalla nostra istituzione».
Gizzi ha inoltre posto l'accento sull'importanza della recente convenzione firmata dal Comune e dell'Asl per l'apertura e la gestione, nell'ex Onpi, della residenza sanitaria assistita per 72 posti letto, di cui 12 per malati di alzheimer.
«Ciò – ha osservato – ha permesso il recupero di un finanziamento regionale di 1.807.600 euro, già concesso all'Asl per la realizzazione dei lavori di adeguamento strutturale dei locali da adibire alla rsa. Una volta a regime, sarà possibile fornire delle prestazioni efficienti ed efficaci a beneficio degli anziani in particolari condizioni di salute. Ed è questo un obiettivo molto importante».

05/03/2008 11.38