D'Adamo ed il bilancio del Consiglio comunale di Vasto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

931

Sono state complessivamente 16 le sedute del Consiglio comunale di vasto nel 2005 adottando decisioni su 114 argomenti.
E' tempo di bilanci anche per il presidente del Consiglio Francesco Paolo D'Adamo che ritiene soddisfacente l'operato dell'assemblea da lui presiduta.
«Ci siamo riuniti poco più di una volta al mese», dice D'Adamo, «innanzitutto abbiamo deliberato la programmazione economico-finanziaria approvando il Bilancio di previsione e quello pluriennale, consentendo all'ente, pur nei limiti restrittivi delle leggi finanziarie, di svolgere regolarmente la sua attività ed erogare i pubblici esercizi; abbiamo inoltre approvato una serie di modifiche e di regolamenti per una disciplina più particolareggiata e di dettaglio delle attività e dei servizi. Ricordo in particolare la modifica dell'articolo 5 del regolamento Ici che consentirà con il 2006 una riduzione del 65 per cento per le aree urbanistiche non a concessione diretta. Si tratta di un provvedimento che ripristinerà una certa perequazione verso i proprietari di aree edificabili che, però, non possono costruire direttamente».
Inoltre dopo anni di trattative sono stati perfezionati gli accordi con l'Arcidiocesi di Chieti- Vasto per i due immobili ex Collegio Histonium ed il Genova Rulli, entrambi in uno stato di forte degrado che in un prossimo futuro potrebbero essere restituiti alla città.
Sono state approvate poi la concessione e gestione dell'impianto di distribuzione del gas metano, prevedendo, fra l'altro, la realizzazione di altri chilometri di rete e quindi la metanizzazione di altre zone periferiche della città attualmente non servite.
«Importante sono stati», spiega D'Adamo, «una serie di provvedimenti in materia urbanistica ed in particolare il piano di utilizzazione del demanio marittimo e sarà penso per i primi mesi del 2006 l'esame delle osservazioni al Piano Spiaggia. La variante del Prg per la strada di collegamento Via del Porto Corso Mazzini la cui realizzazione completerà l'ampio progetto visto, previsto in passato, e migliorerà notevolmente la viabilità cittadina. La variante al Prg per la realizzazione di una struttura di accoglienza e di rieducazione che darà in futuro più adeguiate risposte alle esigenze sociali».
Infine, di recente sono state approvate le carte delle scarpate e le osservazioni sul PAI Regionale operando così nella programmazione e sulla salvaguardia del territorio: il consiglio ha anche deliberato l'emissione di un prestito obbligazionario comunale destinato all'estinzione anticipata ed alla rinegoziazione delle condizioni dei mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti: una operazione che darà alla prossima Amministrazione Comunale, secondo il presidente del Consiglio, notevoli vantaggi di natura economico-finanziaria e, quindi, maggiori possibilità in termini di servizi.
2/1/2006 8.30