L'Aquila, il dilemma dell'impianto sportivo di Aragno

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1507

L'AQUILA. Il segretario comunale dei Liberal Democratici per il Rinnovamento di L'Aquila Cristian Villani, chiede al sindaco Cialente, all'assessorato alle Opere Pubbliche, all'assessorato all'Ambiente e all'assessorato allo Sport di valutare, in modo definitivo, la possibilità di un ridimensionamento del parco giochi che dovrà sorgere sullo spazio antistante l'esistente campo di calcio sito nella frazione di Aragno.
L' impianto sportivo risulta essere di proprietà della IX Circoscrizione (Camarda, Aragno, Assergi e Filetto) ed è completamente al servizio della zona. «Dalla copiosa documentazione esistente in merito», spiega Villani, «e visionata e studiata nei giorni scorsi presso la sede Comunale dei Liberal Democratici, si è evinto che il progetto relativo all'area verde attrezzata, così come è stato previsto, andrebbe ad occupare l'intera zona in questione, compresa quella riservata ai locali degli spogliatoi che rimarrebbero così compromessi nella loro realizzazione».
La costruzione, ed il pieno utilizzo di questi spogliatoi, sono invece evidentemente necessari per il normale funzionamento del campo sportivo.
La non completezza dell'impianto, costringe la squadra di calcio "A.S.D. Aragno Calcio", che peraltro partecipa al Campionato di Terza Categoria, a prendere in affitto un campo di calcio privato, sito in altro luogo, i cui costi gravano pesantemente sul povero bilancio societario.
«È evidente», continua Villani, «che l'ultimazione del campo sportivo attraverso la realizzazione degli spogliatoi, fungerebbe da volano allo sviluppo economico e sociale della Circoscrizione».
La richiesta del completamento della struttura sportiva è già pervenuta, tempo fa, al Comune dell'Aquila ed è voluta e sostenuta dalla maggior parte degli abitanti della zona che hanno firmato anche una petizione popolare in merito.
Circa poi le recenti dichiarazioni fatte dal sindaco Cialente sul fatto che il Comune dell'Aquila non ha potuto richiedere finanziamenti per la realizzazione di impianti sportivi per mancanza di progetti esecutivi, Villani sottolinea: «questa è un'informazione assai carente, riservata dal Settore Opere Pubbliche, nei suoi confronti.
Infatti, esiste un progetto esecutivo degli spogliatoi in questione, che giace da più di un anno presso il Settore medesimo che è appunto in attesa di finanziamento».

31/01/2008 14.59