Bilancio comunale 2008. Sd:«una svolta nel rapporto con i cittadini»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1751

L’AQUILA. Il 2008 sarà l’anno della “conferma” del neo sindaco Massimo Cialente (Sd) eletto poco più di sei mesi fa e subentrato dopo un decennio di amministrazione di centrodestra con il sindaco Tempesta. Qualche spunto per il futuro potrebbe essere trovato nel bilancio di previsione in discussione in questi giorni.
Il documento di Bilancio approvato dalla Giunta comunale è ora al vaglio del Consiglio.
«Rappresenta il segno tangibile della svolta nel rapporto tra il Comune e la cittadinanza», sostiene Luca D'Innocenzo, coordinatore comunale Sd.
«Sono almeno tre le grandi novità», dice D'Innocenzo,«il Comune guidato dal Centrosinistra fa sua, dopo un decennio di cecità, l'idea dell'Aquila Città Universitaria, apprestandosi ad entrare nella Fondazione Universitaria e agevolando l'emersione dal nero degli affitti agli universitari».
Il Comune sembrerebbe aver preso finalmente per mano l'annoso problema del ciclo dei rifiuti con la proposta di diminuzione della Tarsu.
«Ora l'Asm, gli Enti pubblici, le imprese e l'intera cittadinanza», continua la Sd, «dovranno farsi carico di una scelta forte verso la differenziata tale da abbattere impatto ambientale, costo del ciclo dei rifiuti e tassa a carico dei cittadini. La terza svolta, che la Giunta ha proposto e che ora passa alla decisione del Consiglio Comunale, è la revisione del regolamento Irpef. Portare l'esenzione dell'Irpef comunale fino ai redditi di 15.000 euro, coinvolgerà circa 8500 cittadini aquilani, in prevalenza pensionati, precari e lavoratori colpiti dalle crisi aziendali. Una scelta coraggiosa di equità fiscale che toccherà al Consiglio comunale ora far propria».

14/01/2008 9.12