Il Comune dell’Aquila riconosce 200 mila euro di debiti fuori bilancio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1643

L’AQUILA. Il Consiglio comunale dell’Aquila ha riconosciuto, ieri sera, la legittimità di debiti fuori bilancio per complessivi 200mila euro circa.

Le sei delibere varate dall'aula hanno avuto il voto favorevole a maggioranza. Quelle riguardanti le spese relative agli atti concernenti l'acquisizione di aree per la realizzazione di una strada a Paganica, a una parte degli oneri da sostenere per la stipula di polizze assicurative e ai pasti forniti alle squadre di soccorso impegnate nello spegnimento degli incendi dello scorso agosto hanno avuto il voto contrario del consigliere Enzo Lombardi (Fi).
Il provvedimento sul riconoscimento dei debiti fuori bilancio per alcune cause giudiziarie, oltre a quello di Lombardi, ha avuto il no anche dei consiglieri Luigi Faccia (L'Aquila Città unita) e Pasquale Corriere (Udeur).
Quello riguardante l'acquisto di alcuni testi è invece passato con 9 voti a favore (Ds, Pdci, la maggioranza dei consiglieri della Margherita e il sindaco Massimo Cialente), 8 astenuti (Impegno per L'Aquila, Udeur, Sdi e il consigliere Francesco Pistoia della Margherita) e 8 voti contrari (Udc, Fi, L'Aquila città unita, Dc, Idv, Sinistra democratica e il consigliere Giancarlo Vicini dei Socialisti riformisti).
Il consiglio comunale dell'Aquila ha approvato all'unanimità la concessione all'Asl di una parte della Casa albergo ex Onpi, per la realizzazione di una residenza sanitaria assistita.
Approvato, infine, l'ordine del giorno (primo firmatario, Emanuele Imprudente, Idc), con il quale vengono impegnati «il sindaco e il Consiglio comunale tutto, di concerto con gli assessori e i consiglieri regionali dell'Aquila, ad attivarsi affinché vengano ripristinati i fondi regionali necessari all'esercizio delle attività culturali svolte dalle nostre istituzioni culturali maggiori, e al mantenimento dei relativi livelli occupazionali».
Il documento ha ottenuto 28 voti favorevoli e 1 contrario, quello del consigliere Enrico Perilli (Prc).
29/12/2007 9.51