Dalla Finanziaria buone notizie per i precari del Parco Gran Sasso Laga

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1697

TERAMO. Buone notizie per i lavoratori precari degli Enti Parco. Nella Finanziaria è stato inserito un collegato che chiarisce che anche gli ex Lsu possono essere stabilizzati e assunti, così come i cosiddetti cococo.
Lo ha spiegato ieri pomeriggio il relatore in Senato della Finanziaria, l'onorevole Giovanni Legnini, nel corso di un incontro organizzato dalla Provincia e svoltosi nella sala consiliare.
Erano presenti il commissario dell'Ente Parco Gran Sasso Monti della Laga, Stefano Allavena e il direttore del Parco, Marcello Maranella oltre al presidente Ernino D'Agostino, al presidente del Consiglio Ugo Nori, alla consigliera regionale Stefania Misticoni.
Il provvedimento di stabilizzazione, al Parco Gran Sasso, interessa 31 lavoratori ex LSU e 20 collaboratori; tutti impegnati in servizi essenziali e indispensabili a garantire l'attività ordinaria dell'ente Parco.
«Un passaggio importante ma non definitivo – ha spiegato il presidente Ernino D'Agostino – ; per l'assunzione occorre attendere che vi sia un apposito provvedimento del Ministero dell'Ambiente che assegni, materialmente, le risorse. Queste risorse, in Abruzzo, dovranno essere ripartire fra il Parco del Gran Sasso e quello della Maiella. Continueremo a seguire questi passaggi in maniera da accellerare il percorso amministrativo».
Il senatore Legnini ha anche avuto modo di ascoltare una delegazione di ex lavoratori della TEAM (ex appalti storici del Comune di Teramo) . Questi lavoratori – in provincia di Teramo sono 80 e in Abruzzo circa 300 - sulla base di una normativa nazionale, sono transitati in una nuova società (un'ati fra la Epur Lux spa e la Lucente Srl che ha vinto l'appalto su base regionale) e temono di vedersi ridotto l'orario di lavoro e, quindi, lo stipendio mensile. I lavoratori in questione operano nelle scuole e sono impegnati nei servizi ausiliari.
«La Provincia potrà svolgere un ruolo di mediazione – ha affermato D'Agostino – e il senatore Legnini si è detto disponibile a partecipare ad un tavolo di confronto con la società titolare del servizio. Inviteremo anche la Regione e l'Ufficio scolastico regionale».

15/12/2007 9.46