Nuovi presìdi per la sicurezza di Forza Nuova

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7388

MONTESILVANO. «Atti di vandalismo e di spaccio di droga, come quelli che si verificano in piazza Guy Moll devono, necessariamente, essere affrontati con il giusto rigore e fisiologica priorità affinchè la situazione non degeneri e sfugga poi al controllo sia dell'amministrazione che degli organi di polizia». L’INDIGNAZIONE DI RIFONDAZIONE COMUNISTA
La critica arriva da Marco Forconi di Forza Nuova che annuncia una nuova iniziativa del suo partito. Dopo il servizio di vigilanza in via delle Caserme di qualche settimana fa, nei giorni 13, 14 e 15 dicembre ci sarà un presidio mobile in piazza Guy Moll «che coprirà sia la fascia diurna che quella notturna supportando in maniera umana e civile i residenti, continuamente stuprati della loro tranquillità quotidiana e lesi da una politica permessivista che è sempre più sinonimo di lassismo e non di giustizia».
Il sindaco Cordoma ha annunciato qualche giorno fa l'attivazione di pattuglie dei carabinieri e di un servizio di vigilanza notturno anche della Polizia Municipale. «Sono provvedimenti tampone e non categorici ed a tempo indeterminato», insiste.
Secondo Forconi a distanza di molti mesi dall'insediamento della giunta Cordoma, «e nonostante le continue promesse sulla sicurezza e legalità», le problematiche legate alla microcriminalità ed al bullismo «non solo non sono state arrestate ma, anzi, hanno avuto un'impennata paurosa nelle ultime settimane».
Ma anche vero che , sicurezza a parte, i residenti della zona e del nuovo complesso di villette di Villa Carmine sono in attesa da quasi due anni dei lavori (promessi e mai arrivati) davanti l'enorme piazzale a pochi passi da via Don Minzoni. Lì, grazie ad un accordo di programma sarebbe dovuta sorgere una nuova chiesa (e di fatto quella che c'è adesso non basta per tutti i nuovi residenti) e un parco.
Pochi giorni prima dell'arresto arrivò a fare un sopralluogo anche l'ex sindaco Cantagallo. E furono nuove promesse. E lì, invece, oggi regna il più squallido degrado.

06/12/2007 9.50

L'INDIGNAZIONE DI RIFONDAZIONE COMUNISTA

«Il signor Marco Forconi, insieme ai suoi quattro seguaci di Forza Nuova, ha deciso di sostituirsi alla pubblica autorità presidiando (anche di notte) piazza Guy Moll il 13, 14 e 15 dicembre. Noi evidenziamo la nostra totale indignazione di fronte a questa bislacca iniziativa che sa di un prodotto avariato tra anarchia e neofascismo».
Così dicono dalla sezione di Rifondazione di Montesilvano ritornando su un tema che a quanto pare è sempre molto caldo.
«Probabilmente», aggiungono i Giovani Comunisti, «sono questi i tanto declamati poliziotti di quartiere di cui tanto si è parlato in questi giorni, che il nostro amato sindaco ha ingaggiato per la sicurezza pubblica richiesta dai cittadini di Montesilvano. Non possiamo e non vogliamo pensare che quattro teste rasate vestite di nero e con le “croci celtiche” sulle loro bandiere, possano salvaguardare la quiete di una città; la cosa risulterebbe alquanto triste considerando che gli ideali di queste persone sono piuttosto contestabili e istigatori di violenza. Ciò considerato una domanda sorge spontanea: “dove sono i poliziotti di quartiere che noi cittadini paghiamo per svolgere queste mansioni?”»
07/12/2007 14.37