Udc: «Aumentano gli sprechi. Pessimo questo bilancio regionale»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

769

«La maggioranza di centrosinistra non riuscirà ad approvare il bilancio». Lo ha detto il consigliere regionale dell'Udc, Mario Amicone, e indica anche il motivo: «non ci riuscirà entro il 31 dicembre a causa di una lite tutta interna alla colazione di Governo».
«Voler approvare il bilancio a tutti i costi - ha detto Amicone - in queste condizioni rappresenta solo un capriccio. L'esercizio provvisorio sarebbe il male minore».
Il capogruppo dell'Udc, Giorgio De Matteis, lo stesso Amicone e il consigliere Di Bartolomeo hanno criticato duramente le proposte di bilancio e Finanziaria approvate in commissione.
«Piu' che un bilancio di rigore - ha detto de Matteis - e' un bilancio da calcio di rigore. Gia' nel documento di programmazione economica e finznaiziaria non c'e' alcuna strategia, non c'e' alcuna indicazione su come recuperare fondi aggiuntivi dopo il Docup che scade alla fine del 2006 o per l'utilizzo di fondi strutturali. La legge finanziaria e' composta di sei articoli in tutto».
In particolare De Matteis critica «la riduzione delle spese di investimento e l'aumento delle spese correnti».
«I fondi per le opere pubbliche- ha detto - diminuiscono del 55.8%, quelli per l'industria e l'artigianato del 28%, per la protezione sociale del 33%, per le politiche di sviluppo del 61%, per i trasporti del 12%. Le spese per gli investimenti nella sanita' diminuiscono del 69%, mentre aumentano dell'11% le spese sanitarie correnti”. Per il consigliere Amicone si tratta di un bilancio “arido e misterioso”. Arido - ha spiegato - perche' non vi si intravvedono linee di sviluppo, misterioso perche' il consiglio e' stato privato persino di una relazione sul bilancio».
Secondo Amicone aumentano del 200% le spese per il contenzioso e del 300% quelle per i congressi.
« O non e' vero -ha detto - che c'erano sprechi o sprecheranno piu' di noi».
Amicone ha annunciato la presentazione da parte dell'opposizione di emendamenti «costruttivi ed ostruzionistici». «Dipenderà dal loro atteggiamento: se voglio parlare con noi di bilancio - ha concluso - gli emendamenti ostruzionistici si possono anche togliere».
21/12/2005 10.03