Elezioni Cialente, «gravi irregolarità». La questione finisce in Parlamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1250

L’AQUILA. «A seguito delle elezioni amministrative del 27 e 28 maggio scorso, nel Comune di L'Aquila per il rinnovo del Consiglio Comunale e l'elezione del Sindaco, dall'esame dei verbali degli 81 seggi elettorali complessivi risulterebbero alcune irregolarità contestate dai più parti come peraltro riferito anche dagli organi di informazione».
Sulle presunte irregolarità alle scorse amministrative è partita ora l'interrogazione parlamentare del senatore di Forza Italia Andrea Pastore, ai ministri dell'Interno e della Giustizia.
«Numerosi verbali», scrive Pastore, «risulterebbero incompleti nella loro compilazione ed in parte anche non chiaramente leggibili, nonché con errata disposizione numerica delle 22 liste elettorali e relativi simboli. Da quanto risulterebbe», continua il testo dell'interrogazione, «molti elettori e rappresentanti di lista hanno altresì segnalato che al momento degli scrutini, questi siano stati effettuati a porte chiuse, negando l'accesso ad elettori e rappresentanti di lista. Le operazioni di scrutinio, inoltre, si sono prolungate in maniera incomprensibile fino alle ore 15 del martedì successivo al voto, ossia 24 ore dopo l'inizio dello stesso; e in alcuni seggi si sono poi verificate compilazioni incomplete delle tabelle di scrutinio».
Secondo altre segnalazioni di cittadini e inserite nell'interrogazione «risulterebbe che si sono riscontrate anomalie anche nei tempi e nei modi di compilazione del verbale dell'Ufficio elettorale centrale».
Sulla questione è stata presentata in Consiglio Comunale, qualche settimana fa una apposita mozione volta a chiedere chiarimenti agli organi competenti, poi stata respinta dalla maggioranza.
«Il Governo è a conoscenza dei fatti riferiti e sa se essi corrispondano al vero», chiede Pastore. «In caso affermativo, quali iniziative e provvedimenti si intendano assumere per verificare se e quali irregolarità siano state compiute nel corso dello spoglio elettorale e con quali conseguenze ai fini della proclamazione finale dei risultati».
30/10/2007 12.12