Costantini (Idv): «Alla Camera 2 dei 3 punti della proposta di Beppe Grillo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1096

ROMA. E' ormai in fase avanzata l'esame del nostro p.d.l. (n. 2680 e n. 2681) in I Commissione Affari Costituzionali, in materia di ineleggibilità ed incandidabilità dei condannati. Il relatore, On. Marone (Ulivo), nominato dal Presidente Violante, ha depositato il testo unificato ed oggi alle 10.00 è scaduto il termine per gli emendamenti in Commissione.
«Tra i vari che ho presentato per l'Italia Dei Valori», dice Constantini, «segnalo quello che reintroduce l'incandidabilità dei condannati per tutti i delitti commessi in abuso dei poteri o dei doveri inerenti ad una pubblica funzione o ad un pubblico servizio (scomparsa dal testo Marone!) e quello che introdurrebbe l'ineleggibilità di chi ha ricoperto per due mandati la carica di parlamentare.
Quest'ultimo assorbe, oltre al punto dell'incandidabilità dei condannati, anche un secondo punto dei tre contenuti nella proposta di legge popolare organizzata da Beppe Grillo: quello relativo al limite di due legislature per i parlamentari».
In pochissimi giorni la I Commissione potrebbe, quindi, concludere il proprio lavoro e consegnare all'aula della Camera la discussione ed il confronto politico su due dei tre punti dell'iniziativa di legge popolare che qualche giorno fa – in sole poche ore – ha portato nelle piazze del Paese un milione di italiani.
«A questo punto non resta che aspettare (e verificare)», ha concluso Costantini, «che chi ha preso impegni alla immediata calendarizzazione di questa iniziativa li mantenga».

20/09/2007 15.21

[url=http://www.camera.it/_dati/lavori/schedela/apriTelecomando_wai.asp?codice=15PDL0029680]LA PRESENTAZIONE ED IL TESTO[/url]