Consiglio Provinciale. Manovra di bilancio per l’avanzo di amministrazione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1142

TERAMO. Approvata a maggioranza la variazione di bilancio per l’applicazione dell’avanzo di amministrazione. Il Consiglio Provinciale, questa mattina, ha approvato la destinazione di una parte dell’avanzo di amministrazione del 2006: circa 1 milione e 600 mila euro.

«L'ottanta per cento della somma – ha dichiarato l'assessore al bilancio, Pietro Pantone – è stata destinata a spese di investimento, per la realizzazione, ad esempio, di una rete wireless nei comuni montani o per il miglioramento del sistema di gestione degli impianti di riscaldamento”. Per la minoranza, che ha votato contro la delibera, l'avanzo è stato utilizzato per “spese ordinarie o comunque prevedibili”. Approvato a maggioranza anche il regolamento per la disciplina delle attività di revisione delle autovetture. Secondo il vicepresidente con delega ai trasporti, Giulio Sottanelli, il regolamento approvato, “migliorerà sensibilmente le attuali procedure nell'ottica della semplificazione».
La minoranza (4 voti contrari e due astensioni) ha contestato l'assenza dei verbali del tavolo tecnico, composto quest'ultimo dalle associazioni di categoria. E' intervenuto in questo senso il consigliere Abramo Micozzi (Udc) mentre il consigliere Paolo Di Domenico (Movimento Civico Territoriale) ha sollecitato la disponibilità on-line di tutta la documentazione oggetto di deliberazioni.
Sulla base della normativa del Codice della Strada, è stata approvata all'unanimità la declassificazione a “comunale” di alcuni tratti di tre strade provinciali ricadenti nei centri abitati dei comuni di Colonnella, Controguerra e Pineto.
Infine, i consiglieri, all'unanimità, hanno votato tre ordini del giorno. Nell'odg “Disegno di legge approvato dal Governo per contenere i costi della politica”, a firma del Presidente del Consiglio, Ugo Nori, anche sulla base delle considerazioni già avanzate dall'Anci e dall'Upi, si chiede all'esecutivo nazionale di riconsiderare le misure previste in quanto: «i tagli intervengono solo sugli enti locali e lasciano inalterati i veri costi della politica».
Per quanto riguarda l'adesione alla Marcia della Pace di Perugia, in programma il 7 ottobre prossimo, il consigliere Luigi Puca (Comunisti Italiani), oltre a sollecitare la partecipazione dei Comuni all'iniziativa ha proposto la nomina, in via permanente, di un “consigliere della pace”. Raimondo Sfrattoni (Rifondazione Comunista) nel suo ordine del giorno “Approvvigionamento idrico dal Lago di Campotosto in direzione dell'Aquila” chiede che la Regione definisca il regolamento attuativo della legge che limita la quantità di captazioni possibili, nel rispetto del “deflusso minimo vitale”.
La Regione Abruzzo, infatti, anche sulla base di un ordine del giorno approvato dal Consiglio due anni fa, si è dotata di una legge che regolamenta l'attività di prelievo. Legge che non ha ancora trovato applicazione proprio per la mancanza del regolamento.

11/09/2007 15.52