Del Turco querela Amicone, Tribunale archivia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

936

L'AQUILA. Il Tribunale dell'Aquila ha archiviato i due procedimenti penali nei confronti del consigliere regionale dell'Udc Mario Amicone, presidente della commissione di Vigilanza. E la Regione paga le spese processuali.
A querelare Amicone era stato il presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco, come ha spiegato ieri in conferenza stampa proprio Amicone, il quale ha anche messo in evidenza che i rapporti esistenti tra la commissione di Vigilanza e la giunta regionale sono «tutt'altro che buoni», nonostante l'importanza del ruolo svolto dalla commissione.
Le querele nei confronti del consigliere dell'Udc erano legate a due diversi episodi.
Nel primo caso la commissione si era interessata alla gestione dell'Arpa, e non avendo ottenuto la documentazione richiesta aveva chiesto l'intervento del presidente della giunta regionale, senza ottenere risposta, per cui era nata una polemica.
Il secondo episodio era legato alle critiche di Amicone per le spese sostenute da alcuni assessori per l'acquisto di mobili, l'assunzione di co.co.co e anche il noleggio di aerei privati - come ha riferito Amicone oggi.
Il consigliere dell'Udc ha fatto notare che «non solo le querele sono state archiviate», ma la Regione «ha anche dovuto pagare le spese».
Amicone ha parlato di «prepotenza e l'arroganza» del presidente, il quale «non vuole essere disturbato e mostra irritazione quando qualcuno lo critica». Sulla stessa linea anche i commenti del consigliere regionale Nazario Pagano (Fi), il quale ritiene che attraverso le querele «Del Turco e i suoi amici stiano costruendo la campagna elettorale di Amicone». La scelta di promuovere «querele a raffica su cose inesistenti, dimostra l'incapacità» politica degli amministratori e l'incompetenza di chi dovrebbe consigliarli. «Tutto questo - ha concluso Pagano - mi preoccupa anche come cittadino».

11/09/2007 9.04