La parola "ammaloramento" non esiste…

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

12345

 PESCARA. E' vero, il sindaco di Pescara usa spesso il termine "ammaloramento" per indicare l'andare in rovina, in malora, il rovinarsi di un qualcosa. Una licenza "poetica" che si è concesso da solo ed ormai, per i più stretti collaboratori, è diventata una nuovo termine ormai di uso comune.
Ma questa volta l'associazione culturale La Radice (la stessa che si batte per far andare via il comandante Grippo) gli fa una tirata d'orecchio: «quel termine non esiste» «Consultando ben sei autorevoli fonti linguistiche», racconta Mattia Giansante, «tra cui anche il dizionario dell'ex ministro De Mauro, "ammaloramento" non si trova» (GUARDA)
«Solo la famosa enciclopedia Treccani», precisa ad onor del vero Giansante, «lo menziona come un neologismo per rappresentare il deterioramento di opere murarie e pavimentazioni stradali».
E Giansante ammonisce il sindaco: «è un cattivo esempio, quello di D'Alfonso, che non deve essere assolutamente seguito, soprattutto dai giovani studenti, e che dimostra anche una certa furbizia del sindaco stesso il quale ricorre spesso a vocaboli impropri nei suoi discorsi, sperando nella scarsa attitudine della gente ad approfondire lo studio della lingua Italiana o ritenendola tutta ignorante».
Ieri l'ultimo "avvistamento" del termine in una lettera inviata ai vigili in cui il primo cittadino chiedeva più severità per le affissioni abusive che causano un «ammaloramento dell'arredo urbano».
E che dire delle perifrasi e delle centinaia di metafore spesso ardite e delle figure retoriche spesso spinte al limite della comprensione?
L'affabulazione, la dialettica e l'argomentare del sindaco di Pescara sono ormai note a tutti e probabilmente i cittadini di Pescara tra pochissimi mesi faranno una approfondita ripassata del vocabolario dalfonsiano che sarà speso interamente nella campagna elettorale.
Ma di sicuro la promessa di essere più sintetico, quella, non sarà contemplata in nessun programma elettorale (e non sarà una promessa disattesa).

25/07/2007 12.32