«10 mesi e un avvocato per ottenere atti pubblici»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1402

LORETO APRUTINO. «Tanti slogan a cui sono susseguiti ben pochi fatti».
Così il consigliere di An Emanuele Evangelista riassume gli ultimi anni della politica cittadina di Loreto Aprutino. «Chi governa con la volontà del popolo lavora contro gli interessi dello stesso», assicura Evangelista, «e un consigliere comunale non riesce nemmeno ad accedere ad atti pubblici che riguardano il patrimonio del Comune in cui ha mandato elettivo».
Il consigliere racconta così la sua vicenda personale che si perde negli anfratti più oscuri degli uffici comunali, dove a domanda non arriva risposta.
«Da circa 10 mesi», spiega Evangelista, «sto tentando di ottenere, attraverso opera di sensibilizzazione nei confronti del presidente della Fondazione dei Musei Civici di Loreto Aprutino, Mauro di Zio -ex sindaco di Loreto ed oggi assessore alla provincia di Pescara- del sindaco di Loreto Bruno Passeri e dell'intero Consiglio Comunale, i bilanci relativi alla gestione della Fondazione con il fine di espletare al meglio il mio mandato elettivo».
Una richiesta che non è stata ancora esaudita e si è dovuti correre ai ripari.
«Passati abbondantemente i termine di legge e senza ricevere nessun atto richiesto», assicura, «sono stato costretto ad adire le vie legali affinchè tali comportamenti non possano più impedire l'esercizio del sacrosanto diritto di ogni cittadino eletto o non eletto di accedere e consultare gli atti della pubblica amministrazione».

03/07/2007 9.21