Montesilvano, giunta nuova, facce quasi nuove

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2399

MONTESILVANO. La giunta di Montesilvano è fatta e questa mattina il sindaco Lillo Cordoma l'ha presentata alla stampa. Volti distesi e soddisfatti nell'aula del consiglio comunale allestita per l'occasione. Qualche vecchio consigliere comunale della vecchia giunta, che conosce bene l'ambiente, qualche nuova e forse inesperta new entry e anche qualche faccia già vista in passato.
Otto gli assessore, due in meno della giunta Cantagallo «per contenere le spese», come promesso Cordoma in campagna elettorale. Il settore urbanistico il sindaco lo tiene per sé. Il punto più caldo dell'amministrazione cittadina non ha voluto delegarlo a nessuno ma ne sarà diretto responsabile. In fondo lo conosce bene, da consigliere dell'opposizione le sue battaglie più aspre erano proprio sulla materia urbanistica.
Tre gli assessori in quota Forza Italia: Ernesto De Vincentiis (geometra), già consigliere di centro destra nella passata legislatura sarà vice sindaco con delega all'edilizia scolastica, Vittorio Gervasi è il nuovo assessore alla pubblica istruzione e alla cultura, Claudio Daventura si dedicherà al commercio.
Due gli assessorati per Alleanza Nazionale: Carlo Tereo De Landerset (laureato in economia e funzionario dell'Aptr), dovrà pensare alle Finanze, al Bilancio e al Turismo; Ferdinando Di Giacomo (altro
geometra) si occuperà di manutenzioni urbane primarie.
Uno assessorato per l'Udc, quello di Gennaro Passerini ai Lavori Pubblici, Mobilità a Edilizia Pubblica, e uno alla Dc con Antonio Domiani, Sanità, Ambiente e Politiche sociali. La pianificazione del territorio è andata invece a Corrado Carbani di Libero, già assessore ai tempi della giunta guidata da Paolo Di Blasio. La poltrona di presidente del consiglio comunale sarà un confortevole rifugio per Valter Cozzi Udc.
Niente posto per Brocchi, quindi, nonostante alcune indiscrezioni lo volessero alla presidenza del consiglio.
E ora la squadra deve mettersi al lavoro. Primi obiettivi del sindaco:
«controllare il bilancio, vendere l'auto blu di Cantagallo e far ripartire il sociale».

26/06/2007 15.01