Blocco del traffico, «falso e inutile ambientalismo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2007

SAN GIOVANNI TEATINO. Il blocco del traffico a San Giovanni Teatino fa ancora discutere. «E' troppo populistico cavalcare la difesa dell'ambiente», dicono i consiglieri di minoranza Marco Cacciagrano e Enzo Serraiocco, «le scelte vere, quelle coraggiose dovevano essere fatte prima».
Dopo la manifestazione di protesta di ieri pomeriggio davanti al centro commerciale Auchan, che ha visto partecipi i cittadini contrari al provvedimento di blocco del traffico, i consiglieri d'opposizione si dicono certi che già a partire dal 2001 il sindaco Verino Caldarelli avrebbe potuto intervenire «in modi molto più seri e concreti», soprattutto ascoltando «gli esperti, i cittadini, le associazioni».
«Invece», contestano Cacciagrano e Serraiocco, «ha solamente bruciato degli studi-progetto di nuova viabilità proposti dall'Università di Pescara, ha sperperato diverse migliaia di Euro dei contribuenti per installare un fantomatico semaforo blocca traffico da Pescara, che oggi lampeggia a memoria del "coraggio della decisione"».
E oggi la scelta di bloccare il traffico viene considerata troppo drastica e fuori tempo massimo, ai danni dei residenti ma «senza intaccare i veicoli che vanno nei Centri commerciali – la via Po' e le vie limitrofe sono e saranno sempre aperte alle migliaia di veicoli che quotidianamente riempiono la nostra aria di polveri sottili».
«Forse», chiudono i due consiglieri, «i 4000 cittadini che hanno votato questo sindaco cominciano ad avere la certezza che la loro scelta non sia stata di buon governo, visto che oggi il disorientamento e lo sgomento sono sentimenti che si respirano in maniera tangibile insieme alle micidiali polveri sottili».
La protesta andata in scena ieri pomeriggio, inoltre, chiedeva il raddoppio delle corse degli autobus, (una ogni 10 minuti), l'adesione alla campagna nazionale per il finanziamento di 300 euro per il montaggio di impianti Gpl o metano, la previsione di 3 fermate del treno (una zona aeroporto, una all'altezza della zona centri commerciali di via Po, una a Dragonara zona stazione di servizio nei pressi del semaforo), la redazione da parte del comune di San Giovanni Teatino di un piano della mobilità e di un piano traffico; l'apertura immediata del sottopasso che collega la Tiburtina a via Cavour zona ipermercato Auchan.


21/06/2007 10.16