Il lavoro delle donne: misure per favorire l’accesso al microcredito

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

847

ABRUZZO. Il microcredito per incrementare l'occupazione femminile in Abruzzo. Sono professioniste, lavoratrici autonome e titolari di micro-imprese (che al momento non possono beneficiare di alcuna normativa di sostegno), le destinatarie di un progetto di legge regionale avanzato dalla consigliera dell'Unione Maria Rosaria La Morgia, che intende snellire le procedure di accesso al credito ed ampliare la fascia delle potenziali destinatarie degli interventi.
«La proposta», dice La Morgia, «nasce dalla constatazione che nella nostra regione il tasso di occupazione femminile è al di sotto del dato nazionale e molto lontano dagli obiettivi di Lisbona, inoltre le donne registrano molte difficoltà nell'accesso al credito. L'esclusione finanziaria, cioè il mancato accesso ai servizi bancari, è uno degli aspetti cruciali dell'esclusione sociale, anche se non coincide con essa. Lo strumento del microcredito, esperienza sviluppatasi inizialmente nel Sud del mondo ma anche in Francia e in alcune regioni italiane, può essere considerata una risposta innovativa» ha spiegato La Morgia.
Nel dettaglio, la proposta di legge prevede uno stanziamento a tasso agevolato da un minimo di 5.000 fino a un massimo di 30.000 euro che potrà coprire fino al 100% delle spese ammissibili e sarà erogabile anche a donne sprovviste di cittadinanza italiana ma residenti in Abruzzo e con regolare permesso di soggiorno.
«Gli analisti sottolineano che la crescita di un sistema economico dipende dalla completa e totale valorizzazione delle sue risorse intangibili. Il capitale umano fa parte, di diritto, della categoria e la donna è parte integrante di tale capitale», ha sostenuto La Morgia che ha aggiunto: «L'apporto delle donne nel mondo del lavoro è essenziale e tutte le professioni in cui la percentuale di occupazione femminile è aumentata hanno fatto un salto di qualità, rivelando una grossa capacità di innovazione». Come dire: promuovere la presenza delle donne nell'economia non è solo una questione di equità e pari diritti; è anche un buon investimento.
Della proposta di legge si parlerà venerdì 15 giugno a Chieti nel corso di un convegno “Microcredito e sviluppo locale” che si terrà nella sala nella sala convegni della Camera di Commercio a partire dalle 9.30.

13/06/2007 14.52